banche europee ridurre asset

to Prime Minister Benjamin Netanyahu's Greetings for Rosh Hashana ] our holy JHWH said me: "non sai tu, che il Paradiso è fatto tutto di ex peccatori? forse hai dimenticato che, eri anche tu una vulnerabile vittima del peccato, nel tuo passato, UN TEMPO FA? Se tu mi fai mettere a morte i peccatori? Chi di loro si potrà convertire?" E TU CREDI A ME: QUESTA è PER ME, UNA SITUAZIONE VERAMENTE IMBARAZZANTE!
my JHWH [ TBN ] TRINITY BROADCASTING NETWORK [ lui è sempre con me! Alleluia!
to Prime Minister Benjamin Netanyahu's Greetings for Rosh Hashana ] TU DIMMI ALLORA, in cosa consiste il mio ministero politico universale? SE, IO DEVO DARE SFOGO ALLA MIA IRA, SOLTANTO NEL GIORNO DEL GIUDIZIO UNIVERSALE? io ho diritto di pretendere da JHWH, il cadavere di tutti i miei nemici, perché, altrimenti come, io potrei realizzare il mio regno politico delle 12 Tribù di ISRAELE? QUINDI, questa deve essere la mia fede, io otterrò certamente, milioni di morti ammazzati, a motivo del mio salmo 110!
===========
Iran: Billions for Terror? ] questo documento dichiara chiaramente come tutti gli israeliani sono stati tutti condannati a morte! DA UN PUNTO DI VISTA GIURIDICO CI SONO TUTTE LE CONDIZIONI PER FARE UNA INDISPENSAVILE DICHIARAZIONE DI GUERRA! IN QUESTO CONTESTO DARE IL NUCLERE ALL'IRAN è MOLTO DI PIù CHE UN SEMPLICE ATTO DI ALTO TRADIMENTO! OBAMA PERSEGUE LA DISTRUZIONE DELLA EUROPA ANCHE [ WATCH: Hamas ‘Summer Camp’ – You Won’t Believe Your Eyes… This is one of the most shocking videos you will ever see. Watch what happens to young boys and girls during a routine day at Camp Hamas. And guess who will be funding more of it? Many of you have children who attend summer camp. You will not believe what you are about to see at Camp Hamas. The innocent young faces of children have been transformed into something so ugly, it is impossible to describe. Hamas summer camps are funded by Iran. Imagine how many more camps will be opening next summer, after sanctions are lifted and Iran gets another $150 billion to spend.
This is a MUST watch and SHARE… https://www.youtube.com/watch?t=1&v=AjUU0Y91DXA
Pubblicato il 10 set 2015. This film details Iran’s direct funding of terrorism to its proxy military operatives, Hezbollah and Hamas. With billions of dollars of unfrozen assets expected to be unfrozen and available to Iran, Iranian leaders have stated that they will continue to fund Hamas. This film includes interviews with boy and girl child soldiers of Hamas, who describe their intention to destroy Israel, with guns, and other weapons. The interviews and video of UNRWA-educated children was filmed in Gaza in the summer of 2015. https://www.youtube.com/watch?t=1&v=AjUU0Y91DXA
==============
[ COME può l'islamico terrorista: sterminatore di cristiani e di israeliani: Barack Hussein Obama GENDER OSAMA abominazione, fare il supporter di maniaci religiosi nazisti e paranoidi con il cervello nel 1400? AD OBAMA QUALCUNO lo dovrebbe fermare: prima che sia troppo tardi! ] WATCH: US Congress to Take Action Against Obama for Breaking US Law on Iran Deal. Following a US House resolution declaring that Obama has broken US law by not giving Congress access to Iran’s side agreements, US Rep Peter Roskam said the House must “pursue legal action against Obama for blatant disregard for the law.” In a major development, just 2 hours after the Senate blocked a resolution of disapproval of the Iran deal, the House passed a resolution declaring that President Obama has broken US law.
Congressman Peter Roskam (R-Ill) accused Obama of “breaking the very law he signed by failing to provide Congress with the Iran-IAEA side agreements. Withholding these documents… completely discredits the transparent review process the Administration was legally obligated to provide.” As the saying goes, “it ain’t over till it’s over.” See it for yourself and SHARE the good news!
==================
US Congress Passes Resolution: Obama Broke US Law on Iran. [ COME può OBAMA GENDER fare il supporter di maniaci religiosi nazisti e paranoidi con il cervello nel 1400? AD OBAMA QUALCUNO lo dovrebbe fermare! ] [  The US House of Representatives voted 245-186 to declare that the Obama administration has broken US law by not giving Congress access to the side agreements between the IAEA and Iran. The House of Representatives is taking action against the Obama administration for failing to provide the texts of the side agreements between the IAEA and Iran, which is required under the Iran Nuclear Agreement Review Act of 2015. Just two hours after the Senate moved to block a resolution of disapproval of the Iran nuclear deal, the House passed Resolution 411 by a vote of 245-186. Members of Congress have expressed concern that they have not been allowed to see the text of the agreements between the IAEA and Iran governing the protocols for nuclear inspections. Indeed, the Obama administration itself has not seen these agreements, and is only aware of their general content. Some concerning details have emerged, such as that Iran will be responsible for collecting soil samples for testing by the IAEA. At the same time, Iranian leaders have been emphatic that they will not give inspectors access to conventional military sites where nuclear activity is suspected of taking place.
=================
WATCH: In New Year’s Blessing, Netanyahu Calls for World to Stand United with Israel. In this year’s Rosh Hashana blessing, Israeli PM Netanyahu encourages people around the world to unite around the ‘one and only Jewish state’, despite all of the anti-Semitism and slander. PM Netanyahu started off by wishing a “Shana Tova (Happy New Year) to all of you from our eternal capital, Jerusalem.” He urged the world to stand united with Israel against “the most slanderous charges against the one and only Jewish state, the only democracy in the Middle East.” Watch below as he blesses all friends of Israel with wishes for “a better future – for the world, for the Middle East, and … for the one and only Jewish state.”
https://www.youtube.com/watch?t=12&v=j_suhtmf8qE Pubblicato il 13 set 2015
Prime Minister Benjamin Netanyahu's Greetings for Rosh Hashana.
Sixth Indian state seeks to adopt 'Anti-Conversion Law'
Published: Sep. 11, 2015 by Vishal Arora
A sixth Indian state is debating the introduction of an “Anti-Conversion Law”. Maharashtra would follow Madhya Pradesh, Chhattisgarh, Odisha, Gujarat and Himachal Pradesh in implementing a Freedom of Religion Act, which seems harmless in name, but in practice discourages evangelism, as Vishal Arora ...
India Anti-Conversion Law Maharashtra BJP Hindu
Latest News
India's Christians are under attack
Published: Sep. 11, 2015
Rahul Nayak,
25, the eldest son of Dhubaleswar and Bhubudi Nayak, a Christian couple shot dead in Odisha in July.
The number of violent attacks on Christians and churches in India increased over the summer months. ...
India's Christians are under attack
Published: Sep. 11, 2015
Rahul Nayak,
25, the eldest son of Dhubaleswar and Bhubudi Nayak, a Christian couple shot dead in Odisha in July.
The number of violent attacks on Christians and churches in India increased over the summer months. ...
Maiduguri 'open' again despite renewed Boko Haram activity
Published: Sep. 10, 2015
https://www.worldwatchmonitor.org/
As General Buhari's term in office as Nigeria's President reached 100 days last Saturday, new ...
Ethiopian Christians cleared of holding ‘illegal meetings’
Published: Sep. 8, 2015
Death threats target Turkey's Protestants
Published: Sep. 4, 2015
Four years of bombings in Sudan’s Nuba Mountains
Published: Sep. 2, 2015
Nepal on verge of curbing religious freedom
Published: Aug. 26, 2015
Religious freedom a ‘reality’ in recovering CAR
Published: Aug. 26, 2015
Ethiopian Orthodox leaders jailed after protesting about persecution
https://www.worldwatchmonitor.org/

Bush 322 Rothschild ] eih voi troioni: NULLA DI MENO! VOI DOVETE RESTITUITE A ME, LA SOVRANITà MONETARIA CHE AVETE RUBATO A TUTTI I POPOLI SCHIAVIZZATI! [ ve la do io nel vostro GENDER di depraVAti pervertiti, la vostra terza guerra mondiale nucleare! [  E ADESSO ANDATE A PIANGERE DA SATANA!

LA Kirchner è UN'OCA che vuole cadere dalla padella (sistema massonico) nella BRACE (sistema islamico)! ] [ Gb: Kirchner, bene vittoria Corbyn. Presidente dell'Argentina, sostegno per Falkland. quell'oca della Kirchner piuttosto faccia fare a tutti i suoi musulmani il giuramento di abiura della SHARIA! 

la devono smettere i gay lobbies con la potenza del NWO S.p.A. Banche CENTRALI FED BCE FMI, di ricattare, e di minacciare e di ricattare le NAZIONI! ] Elton John a Putin, parliamo diritti gay. Vorrei incontrarlo, ha un atteggiamento "ridicolo". 13 settembre 2015. ROMA, 13 SET - Elton John vuole incontrare Vladimir Putin per discutere di quello che definisce l'atteggiamento "ridicolo" del presidente russo verso i diritti dei gay. Lo ha detto la stessa pop star britannica alla Bbc. Il cantante si dice favorevole ad un incontro con Putin "anche se potrebbe ridere alle mie spalle....e definirmi un idiota assoluto", ha detto. La Russia ha approvato nel 2013 una controversa legge contro gli individui che promuovono "atteggiamenti omosessuali tra i minori".

deve smettere la LEGA ARABA sharia il nazismo, di aggredire il GENERE UMANO: con il suo imperialismo Califfato, soltanto perché sono gli alleati dei sacerdoti di satana USA UE NATO, tutti i farisei satanisti massoni gay lobby GENDER la abominazione dell'anticristo! smettano  I MAOMETTANI DI FARE BULLISMO E GENOCIDIO CONTRO TUTTO IL GENERE UMANO ] TEL AVIV, 13 SET - Scontri sono avvenuti oggi sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme tra palestinesi e polizia israeliana. Gli agenti, secondo il portavoce della polizia, è entrata dopo che palestinesi avevano lanciato bottiglie molotov e petardi contro le forze di sicurezza. Il ministro della sicurezza Gilad Erdan ha detto che ''non e' accettabile che facinorosi musulmani, barricatisi di notte, trasformino quel posto a loro piacimento in una zona di combattimento''.

LA STORIA SI RIPETE ] gli eunuchi (gay lobby GENDER) ed i funzionari (politici, S.p.A. Banche Centrali) sono la parte visibile dell'impero, cioè l'IMPERATORE Bush 322 Rothschild, sono la parte invisibile, quella parte della piramide superiore con l'occhio di lucifero che terrorizza le clientele politiche. Questa è la dimostrazione politica di come i LGBT sono demoni! Sono loro che tengono Israele e tutti i cristiani del mondo nell'inferno! LA DEVONO SMETTE I GAY LOBBY DI MINACCIARE TUTTE LE RELIGIONI E TUTTI I GOVERNI DEL MONDO, SOLTANTO PERCHé LORO SONO GLI AMMINISTRATORI VISIBILI, DELL'IMPERATORE INVISIBILE, CIOè IL NUOVO ORDINE MONDIALE CHE CON TUTTI I SUOI COMPLICI è TEOSOFIA SATANICA.. HANNO RAGIONE I TERRORISTI DELLO ISIS SHARIA, O I BOKO HARAM ( la cultura Occidentale è peccato ) QUANDO, loro DICONO CHE USCIRE DALLA TERRA DELL'ISLAM SIGNIFICA AVERE TROPPE POSSIBILITà PER PERDERE LA PROPRIA ANIMA ALL'INFERNO!

Isaia 50 ] PER LIBERARE ISRAELE, RUGGISCE UNIUS REI: IL LEONE DELLA TRIBù DI GIUDA, RUGGISCE E MINACCIA DI MORTE TUTTE LE NAZIONI DEL MONDO! DALLE SUA MANI DISPENSA TORMENTI A TUTTI I SUOI NEMICI! ] [ E' vicino chi mi rende giustizia; chi oserà venire a contesa con me? Affrontiamoci. Chi mi accusa? Si avvicini a me. 9. Ecco, il Signore Dio mi assiste: chi mi dichiarerà colpevole? Ecco, come una veste si logorano tutti, la tignola li divora. 10. Chi tra di voi teme il Signore, ascolti la voce del suo servo! Colui che cammina nelle tenebre, senza avere luce, speri nel nome del Signore, si appoggi al suo Dio. 11. Ecco, voi tutti che accendete il fuoco, e tenete tizzoni accesi, andate alle fiamme del vostro fuoco, tra i tizzoni che avete acceso. Dalla mia mano vi è giunto questo; voi giacerete fra le torture.

è il Terzo canto del servo del Signore UNIUS REI ] 4. Il Signore Dio mi ha dato una lingua da iniziati, perché io sappia indirizzare allo sfiduciato una parola. Ogni mattina fa attento il mio orecchio perché io ascolti come gli iniziati. 5. Il Signore Dio mi ha aperto l'orecchio e io non ho opposto resistenza, non mi sono tirato indietro. 6. Ho presentato il dorso ai flagellatori, la guancia a coloro che mi strappavano la barba;
non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. 7. Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto confuso, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare deluso. 

Isaia 50 ] La punizione di Israele è finita, il suo peccato è stato perdonato, questa è l'ora di ritornare: PERCHé VOLETE MOLTIPLICARE ANCORA IN VOSTRO CASTIGO: dice il Signore: "non sarò più io che castigo, ora è Rothschild che castiga Israele: soltanto! [ 50. Dice il Signore: «Dov'è il documento di ripudio di vostra madre, con cui l'ho scacciata? Oppure a quale dei miei creditori io vi ho venduti? Ecco, per le vostre iniquità siete stati venduti, per le vostre scelleratezze è stata scacciata vostra madre. 2. Per qual motivo non c'è nessuno, ora che io sono venuto?
Perché, ora che chiamo, nessuno risponde? E' forse la mia mano troppo corta per riscattare oppure io non ho la forza per liberare? Ecco, con una minaccia prosciugo il mare, faccio dei fiumi un deserto. I loro pesci, per mancanza d'acqua, restano all'asciutto, muoiono di sete. 3. Rivesto i cieli di oscurità, do loro un sacco per mantello».

Merkel TROIKA, GEZABELE Elisabetta II, voi state per perdere come cani, questa guerra mondiale nucleare! MA, ANCHE SE LA VINCESTE, COME POTETE CONTINUARE A SCRIVERE LE VOSTRE MENZOGNE SUI LIBRI DI STORIA DOPO LA PUBBLICAZIONE DEI MIEI ARTICOLI? io sono il King di Israele!

UniusRei3

IL Prodotto interno Lordo della ITALIA è stato stuprato dal Rothschild S.p.A. LURIDO! infatti il nostro debito truffa: alto tradimento signoraggio bancario, e debito pubblico (interesse sul signoraggio bancario) ha superato di 1,5 il nostro PRODOTTO INTERNO LURIDO! ormai i popoli del mondo sono diventati la cloaca MERKEL TROIKA della storia!

SACERDOTESSA GEZABELE II: CIOè, ELISABETTA II ] [ ELLA è IL DEMONIO! ] CI STA FACENDO RICATTARE DALLA SHARIA NAZISTA E DAI LOBBY GENDER IDEOLOGIA: PERVERSIONE SESSUALE A TUTTI PER LEGGE!
 KIEV, 12 SETTEMBRE ] quello che dice ELTON JOHN è vero! SONO I GAY CHE HANNO IL CONTROLLO DEL REGIME MASSONICO BILDENBERG. [ Elton John ha lanciato un appello alla ideologia del GENDER, dichiarando, nei fatti, di essere il padrone del Fondo Monetario e della BANCA MONDIALE (SUE DICHIARAZIONI SONO grottesche ed insensate: che in realtà sono una minaccia di morte per la UCRAINA, come per tutte le NAZIONI DEL MONDO ) agli imprenditori ucraini perché accettino gli omosessuali nei posto di lavoro (ma, 1. non esiste questo problema in Occidente, inoltre, 2. la maggior parte dei gay sono così ricchi che non lavorano nelle fabbriche ), sottolineando che le politiche "ideate per reprimere i cittadini Lgbt (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) ostacolano lo sviluppo economico". La pop star britannica, dichiaratamente gay, ha parlato a centinaia di uomini d'affari e leader politici ucraina in un forum a Kiev, mostrando studi secondo cui le economie che tutelano i diritti degli omosessuali hanno più alta crescita. non ci sono studi seri, ma, quello che dice ELTON JOHN è vero! SONO I GAY CHE HANNO IL CONTROLLO DEL REGIME MASSONICO BILDENBERG
KERRY COGLIONE 322 di cazzone ] tu devi venire giù, come le torri GEMELLE che all'11-09 tu hai riempito di termite!
Questa Italia che ritorna con il segno positivo, ( e che continuerà a crescere, soltanto perché Rothschild vuole smentire me ) dopo che alla ITALIA hanno devastato la struttura industriale? ed hanno svenduto i gioielli dello STATO? questo è qualcosa che ha il sapore del tragicomico! QUESTA è LA DIMOSTRAZIONE INVECE, CHE, 1. LE BANCHE CENTRALI HANNO IL CONTROLLO DELLO STATO, 2. SPA POSSONO UCCIDERE CHIUNQUE, 3. LA DEMOCRAZIA è STATA DIVORATA DAI BILDENBERG!
questa Europa di farisei satanisti massoni, deve terminare, dopo che ci si da del nazisti, CON DISIVOLTURA, anche se a kiev i nazisti veri ci sono per davvero: e dopo che la MERKEL TROIKA ha barato le regole del gioco: infatti a lei il lardo esce dappertutto, MENTRe, tutti gli altri muoiono di fame! QUESTA EUROPA DELL'ANTICRISTO DEVE TERMINARE! ] BELGRADO, 12 SET - L'Ungheria ha 'convocato' l'ambasciatore austriaco per protestare contro le critiche del cancelliere austriaco che ha evocato le deportazioni naziste parlano della politica ungherese verso i migranti. Per il ministro degli Esteri Peter Szijjarto i commenti sono "totalmente indegni di qualsiasi leader politico europeo".
I GENDER GAY LOBBY SONO L'ANELLO FINALE DELLA CATENA EVOLUTIVA SCIMMIE DARWIN: RELIGIONE DOGMATICA SENZA PROVE SCIENTIFICHE! ] Elton John a Kiev, assumete i gay, Pop star a forum uomini d'affari,aiutano a far crescere economia [ è soltanto un modo EUFEMISTICO per dire, siamo noi che controlliamo il Nuovo Ordine Mondiale S.p.A. Banche CENTRALI! ] OVVIAMENTE, la richiesta è grottesca, perché nessuno mette in discussione la assunzione dei gay nel mondo del lavoro! NO! si vuol dire soltanto: "se non entrate nella ideologia OBAMA Gender, noi S.p.A. chiudiamo la porta della gabbia e vi lasciamo morire di fame!
SACERDOTESSA GEZABELE II: CIOè, ELISABETTA II ] [ ELLA è IL DEMONIO!
SACERDOTESSA GEZABELE: ELISABETTA II ] [ hanno sostituito le Chiese Cristiane con la Massoneria o con qualcosa di simile, dato che il VATICANO tesseva le lodi sperticate di Mario MONTI! ma, avere libertà di religione apparente, non è vera libertà, se, neanche il PAPA, in modo diretto, può dire quello che lui pensa veramente! Se i satanisti farisei massoni, si ostinano a sostituire I DITTATORI ISLAMICI, I QUALI IN UN CONTESTO SHARIA SONO COSTRETTI AD ESSERE BRUTALI PER SOPRAVVIVERE, CIOè A SOSTITUIRE I DITTATORI con ISIS sharia, ( ma, da loro comprano il petrolio finanziandoli ) vogliono sostituirli - DICONO - con Al-Nursa (Al--Qaeda ) LA RISPOSTA PUò ESSERE UNA SOLTANTO: HANNO DECISO DI SRADICARE IL CRISTIANESIMO DAL PIANETA, PERCHé A LORO PIACE ANDARE CON IL BUCO DEL CULO, LGBT IDEOLOGIA, SU TUTTE LE COSE!

no, è SOLTANTO GESù CRISTO CHE LA DEVE PRENDERE NEL CULO!! non ci sono studi seri, ma, ci sono statistiche attendibili, il NWO: Grande FRATELLO è Satana? LUI ha deciso che, oggi, è una grande fortuna, oggi di poter essere: 1. un predatore islamico nazista assassino seriale sharia culto, oppure, di poter essere GENDER ideologia Darwin scimmia evoluta! DIPENDE SOLTANTO DAL POSTO IN CUI TI TROVI, SCEGLIERE UNA DI QUESTE DUE BENEDIZIONI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE, SPA ROTHSCHILD 322 BUSH, PERCHé OVVIAMENTE è SOLTANTO GESù CRISTO CHE LA DEVE PRENDERE NEL CULO!

SACERDOTESSA GEZABELE: ELISABETTA II ] [ ELLA SI SA VEDERE CON IL BURQA? NO? QUINDI NON C'è PIù UN FUTURO PER LEI NEL REGNO UNITO, semplicemente PERCHé NON ESISTERà PIù NESSUN REGNO UNITO! ROTHSCHILD, Bush ecc.. AVREBBEro DOVUTO DIRLE, CHE NELLA loro CABALA, LA SUA MALEFICA DINASTIA SAREBBE FINITA NEL SANGUE, DURANTE LA TERZA GUERRA MONDIALE! ROTHSCHILD SHARIA, HA PREFERITO LA VITA DEGLI ISLAMICI, PER ORA, ALLA SUA VITA! Elisabetta II ( Gezabele II) è la regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. Figlia di re Giorgio VI e della regina Elisabetta (DINASTIA DI INFAMI TRADITORI CHE INSIEME A ROTHSCHILD HANNO RUBATO LA SOVRANITà MONETARIA AI POPOLI TRASFORMANDOLI IN SCHIAVI). Elisabetta II è anche Capo del Commonwealth (COMPLICE DEL massonico NWO ) e governatore supremo della Chiesa Anglicana MASSONICA DI SATANA! 

HO CORRETTO UNA ALUNNA CHE SI è DICHIARATA ATEA, perché, io ho detto: dichiararsi ateo, significa "credere" che Dio non esiste, non significa che tu puoi dimostrare la sua non esistenza! ma, se tu credi in negativo una cosa del genere, tu hai creato una religione dogmatica: che è costituita per ribellarsi ad un ipotetico potenziale Creatore! QUESTA è UNA TRAGEDIA! ] [ più precisamente, tu potresti dire di essere agnostica, perché l'agnostico, è in un atteggiamento di ascolto e di ricerca: è METODO SCIENTIFICO, forse un giorno potrà incontrare Dio, per poterlo testimoniare, oppure no! lui non lo incontrerà mai DIO! MA QUESTA POSIZIONE è UNA POSIZIONE PIù ONESTA DAL PUNTO DI VISTA INTELLETTUALE! NON SARà MAI UNA DRAMMATICA POSIZIONE DI RELIGIONE NEGATIVA! 

SIAMO SPACCIATI ]  i rotti di culo, e i corrotti infami Darwin scimmie [ SI SONO VERGOGNATI DI SCRIVERE NELLA COSTITUZIONE EURPEA CHE LE NOSTRE RADICI SONO RADICI EBRAICO CRISTIANE!  soltanto per questo sacrilegio politico storico e culturale questa Europa della MERKEL TROIKA anticristo deve essere distrutta IMMEDIATAMENTE! eppure, tutti hanno dimenticato che, soltanto circa: tre secoli fa, i turchi ci hanno invasi ed erano alle porte di Vienna con un esercito soverchiante di ben 6 volte superiore al nostro! ECCO PERCHé, LA CHIESA CATTOLICA HA ISTITUITO LA ODIERNA FESTA AL NOME DI MARIA! Chi? ( I FARISEI LO HANNO VOLUTO, PERCHé LE LORO BANCHE NEL 1600 AVEVANO GIà PRESO IL CONTROLLO MASSONICO DELLA STORIA ) ha permesso che, i musulmani della LEGA ARABA potessero diventare islamici, LUI ci ha voluto riprovare ANCORA! E DI NUOVO CI RIPROVERà, PERCHé I BANCHIERI EBREI SI SUBLIMANO A VEDERE I POPOLI MORIRE!

MI chiedeva un prete: "perché hanno sostituito i dittatori con l'ISIS? come non comprendono che con questi migranti entrano anche i terroristi? e, quale sarà il destino dell'AFRICA?" RISPOSTA: il vero problema è soltanto la SHARIA che può trasformare ogni musulmano in un ISLAMICO! infatti la sharia è un imperialismo per la conquista del mondo! [ è perché gli USA sono i satanisti farisei massoni: i sacerdoti di Satana, il loro obiettivo, quindi è fare di tutta l'EUROPA un Califfato, mentre, oggi l'AFRICA oggi viene islamizzata sotto i nostri occhi! [ QUINDI, dopo la terza guerra mondiale] (secondo le intenzioni di Bush 322 Rothschild ): NON ESISTERà PIù, ne ISRAELE, E neanche EUROPA ( secondo le loro intenzioni ). Poi, sarà dedicata una quarta guerra mondiale, per distruggere ISLAM ed uccidere tutti i musulmani! INFATTI, SOLTANTO ATTRAVERSO IMMANI DISTRUZIONI, ROVINE, DISASTRI E MASSACRI IL REGNO DI SATANA AVANZA SULLA TERRA! La LEGA ARABA, CIOè, Arabia Saudita, gioca volentieri questa partita criminale, perché pur non avendo la tecnologia, comunque, non crede di poter essere sradicata dopo avere conquistato tutto il pianeta!

Corbyn, carrozze treni per sole donne. Diseguaglianza nella società del Paese è 'grottesca', a questo islamico comunista? voi fategli giurare la abiura della sharia, altrimenti, relativamente presto voi vi troverete sgozzati e le vostre figlie stuprate! 

a tutti i mussulmani che vivono in Occidente, bisogna fare firmare una abiura circa il nazismo della sharia! perché è la sharia che trasforma musulmani pacifici in islamici terroristi
SHARIA TERRORISMO Zawahri DICE a SHARIA TERRORISMO Baghdadi: "tu sei un usurpatore!" Capo al Qaida disconosce Califfato, "creato con le autobomba" ] LA Verità INCOMINACIA A TRAPELARE FINALMENTE, DATO CHE NON SI MUOVE FOGLIA IN MEDIO ORIENTE, CHE RIAD SHARIA TERRORISMO, SAUDI ARABIA, autobombe: NON VOGLIA! [ Il leader di al Qaida Ayman al Zawahri in un nuovo messaggio ha apertamente attaccato il capo dell'Isis Abu Bakr al Baghdadi accusandolo di essere un usurpatore. "Non riconosciamo il califfato", ha detto secondo una trascrizione del Site. "Non riteniamo che al Baghdadi sia degno del Califfato", ha aggiunto precisando che si è dichiarato Califfo "con l'appoggio di persone sconosciute" ed ha creato lo Stato islamico "con la forza, le esplosioni e le autobomba".

OK! MA Perché IL REFERENDUM SIA VALIDO, VOI DOVETE RISUSCITARE PRIMA I BINZANTINI E GLI ARMENI, CHE, VOI AVETE SOTTOMESSO A GENOCIDIO PER COERENZA POLITICA CON LA VOSTRA TEOLOGIA DELLA SOSTITUZIONE! ] ISTANBUL, 11 SETTEMBRE "Decideremo noi, referendum sarebbe soluzione più saggia". "Aprire Santa Sofia alla preghiera è il mio sogno personale, il mio scopo, la mia ambizione. Anche se ci sono vari dibattiti sul suo status giuridico, la questione va al di là della politica". A scatenare l'ennesima polemica sul futuro di Santa Sofia a Istanbul, ex basilica ed ex moschea diventata museo nel 1935, è il neo ministro della Cultura e del Turismo turco Yalcin Topcu, ex leader del partito islamista nazionalista Bbp scelto dal premier Davutoglu per il suo governo ad interim.

my holy JHWH ] questa alleanza diabolica, tra satanico talmud e satanico corano, tra massoni satanisti e salafiti deve terminare! Le operazioni di soccorso proseguono e il bilancio è destinato ad aggravarsi per le condizioni di molti feriti. L'incidente è avvenuto nel 14/mo anniversario dell'11/9 e a circa 10 giorni dalla festività del Sacrificio (Id al Adha) la principale festa del calendario islamico. QUESTA è UNA INFESTAZIONE DI DEMONI!

MY HOLY JHWH holy holy holy ] QUESTI ISLAMICI IGNORANTI? HANNO UN DISPERATO BISOGNO DI PRENDERE LEZIONI DI TEOLOGIA DA ME! Gru cade su grande moschea della Mecca, una strage: 1O7 morti e 180 feriti: TUTTI INNOCENTI MARTIRI santi, Perché è STATO ALLAH AKBAR IL COLPEVOLE CHE LI HA UCCISI! ] Secondo i media sauditi incidente provocato da una tempesta

Federica MOGHERINA è il più alto rappresentante di tutti i pappagalli (made in USA: satana è dio Ja Bull ON Bildenberg regime )

i maniaci religiosi: nazisti MECCA CABA, sharia genocidio a tutti, come il loro demonio Allah: degli assassini seriali, criminali internazionali: del falso profeta di cui descrive l'Apocalisse, gli ha dato a tutti loro una "craniata nelle corna" hanno detto che sono morti i martiri: per colpa della MECCA gru! MA I MARTIRI SONO PERSONE INNOCENTI, CHE MUOIONO SOTTO LA AGGRESSIONE DI TERRORISTI ISLAMICI, ecc.. ma, tutti i loro terroristi che stuprano e sgozzano le bambine? sono tutti martiri per loro, perché, porteranno da 2 milioni, a 3 milioni i fedeli culto pietra idolo meteorite lunare: Mecca CABA: tutti nazisti ignoranti, dogmatici senza cervello, se non fare gli ipocriti, e i predoni, con la loro teologia della sostituzione, tutti i fanatici senza reciprocità, e senza diritti umani, di quel traditore massone satanista di ONU il Gufo al Bohemian GROVE, che, vogliono uccidere ASSAD, che lui ha 100 volte più diritti umani, e tolleranza religiosa, più di tutti loro!

è STATA APERTA UNA INCHIESTA PER SCOPRIRE EVENTUALI RESPONSABILI DI QUESTA TRAGEDIA ALTAMENTE SIMBOLICA, MA, PROPRIO SECONDO LA LORO RELIGIONE, SOLTANTO ALLAH è IL RESPONSABILE DI QUESTA TRAGEDIA. SAREBBE BELLO ALLARGARE LA PIAZZA PER ACCOGLIERE 3 MILIONI DI MUSULMANI, Cioè, per accogliere, anche, TUTTI I CRISTIANI CHE NON HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI MORIRE COME MARTIRI! [ di questo nazismo terrorismo islamico che certamente soffocherà il mondo ] La Mecca, gru si schianta sulla Grande moschea: almeno 107 morti. Tragedia alla Mecca: almeno fedeli sono morti e 238 sono rimasti feriti dopo che una gigantesca gru si è abbattuta sulla Grande Moschea di Masjid al-Haram. Lo hanno reso noto fonti della locale Protezione Civile, citate da Al-Arabiya. La città saudita, il luogo più sacro dell’Islam, a breve attende l’arrivo di milioni di fedeli per l’annuale haj, il pellegrinaggio che ogni credente musulmano è tenuto a effettuare almeno una volta nella vita.
poi, google chrome, aliens abduction, A.I. Gmos, biologia sintetica, DATAGATE ] lui mi deve spiegare perché, per lui questo termine  "all’interno" di ALETEIA è sbagliato, MENTRe quest'altro termine : "all'interno" CHE è del tutto identico è quello giusto per lui
King SALMAN SAUDI ARABIA ] E chi potrebbe imporre qualcosa a Unius REI? e tuttavia, perché, io non dovrei voler vedere tutte le persone felici intorno a me? DELLA MADIANA per le mie 12 Tribù di Israele, noi possiamo fare, soltanto, una Regione a Statuto speciale, ma, che faccia riferimento: sempre e soltanto, alla Banca Centrale della Arabia Saudita! E SE TU HAI DELLE IDEE MIGLIORI, PERCHé, IO NON le DOVREI APPROVARE? Io non so cosa è il sentimento della invidia, perché, nulla di quello che è in questo mondo, può essere oggetto della mia concupiscenza!

 tu non potrai ai conoscere tutto di me! ] @187AUDIOHOSTEM, Kerry, Bush, DATAGATE, Obama, Rochefeller, cannibals, masonic system, AI, OGM, Spa, Aliens Adbuctions -- you're already too dead to be able to afford some form of arrogance, against me, after 5 years, for the first time! that, remnant of sanity, that I have have left to you? could go away, permanently! and you will become unbalanced, with psychological problems, such as, laveradottrina! quel residuo, di equilibrio mentale, che, ti è rimasto? potrebbe andare via, definitivamente! e tu diventerai uno squilibrato, con grossi problemi psicologici, come, laveradottrina è già diventato, tu sei già troppo morto, per poterti permettere, qualche forma di arroganza, contro di me, dopo 5 anni, per la prima volta!
187AUDIOHOSTEM
@UniusRei: la sangre de la arrogancia, que bebió hoy?
UniusRei3
@Kerry, Rothschild, Bush, 322, 666 187AUDIOHOSTEM -- quanto sangue di porco, tu hai bevuto oggi?
187AUDIOHOSTEM
[I Know Much About You Piece Of Shit] ANSWER [ il fatto che tu conosci molto di me, non ti potrà mai aiutare, perché tu non potrai mai conoscere tutto di me!
chi vuole essere messo da me: ON FIRE with Uncle Sam? IO NON HO UN PROBLEMA A MANDARE TRIBOLAZIONI A TUTTI!

GOOGLE BLOGGER ] svegliati babbacchione [ quì, noi abbiamo la fibra ottica 100 MEGA fastweb, ma, nel tuo server? si prende il sonno!


FOIBE

YouTube Rewind 2012


  • UniusRei3
    UniusRei3 2 secondi fa
    NEW YORK, 11 AGO - Le banche europee dovranno ridurre i propri asset di 3.200 miliardi di euro entro il 2018 per soddisfare i requisiti di Basilea III. Lo riporta il Financial Times, secondo il  quale ''le banche europee sono ancora 'too big to fail'''. Il peso maggiore delle riduzioni ricadra' sulle banche più, piccole. Ma anche quelle maggiori dovranno sottoporsi a cure dimagranti, tagliando 661 miliardi di euro di asset e generando 47 miliardi di euro di capitali freschi. -- ANSWER -- @Israele -- tu hai visto? questo è il canto del cigno della più grande truffa di tutta la storia del genere umano, questo è l'indicatore che la guerra mondiale è molto vicina, .. sono le disperate strategie per tenere, in vita il FMI, che, è un malato terminale
  • UniusRei3
    UniusRei3 18 minuti fa
    MILANO, 11 AGO - Il 6 agosto 2010 un pugile dilettante, Oleg Fedchenko, uscì di casa per ammazzare la prima donna che avrebbe incontrato e massacrò di pugni Emlou Arvesu, 41 anni, filippina, fino ad ucciderla. Sono passati tre anni e, come spiega l'avvocato Fabio Belloni, il marito e i due figli ''non hanno ricevuto alcun indennizzo, anche perché non è prevista in Lombardia nemmeno una polizza anticrimine in casi del genere''. Il processo è finito nel 2012 con un'assoluzione per infermità mentale. -- ANSWER -- AI DANNI, ANCHE, LA BEFFA? questo è quello, che, hanno fatto le democrazie massoniche bildenberg, quelle che, hanno rubato il signoraggio bancario, al popolo per farlo moriredi fame e disperazione, ma, io sono la legge del taglione! questo , nessuno lo dovrebbe dimenticarlo!
  • UniusRei3
    UniusRei3 46 minuti fa
    []ai farisei anglo-americani, non conviene, avere una Patria, perché, loro sono felici di stare con voi, voi siete i loro schiavi![]@ UE USA NATO, Lega Araba, Russia, India, ecc... bastardi! voi avete fatto la congiura, di rubare il signoraggio bancario, in mio favore, per rovinare il vostro popolo? ed ora, voi volete negare: una Patria agli ebrei? ragazzi, allora, anche voi siete gli schiavi, e non avrete, più una vostra patria! Perché nessun popolo è più sicuro di avere avuto da Dio la sua patria.. come? i farisei anglo-americani Illuminati da lucifero, non vogliono avere: una loro Patria! ma, questo, è normale, non sono gli scemi, di perdere il potere, che, hanno su di voi(i loro schiavi), per andare a vivere nel deserto.. quindi, se voi volete continuare a vivere, voi dovete costringere loro ad avere una Patria.
  • UniusRei3
    UniusRei3 1 ora fa
    Abu Antar sharia, nazi worldwide caliphate -- -- che differenza c'è tra te, ed i satanisti, anche, tu non dialoghi, con me.. questo è evidente, anche, tu sei l'impiegato di qualche altro satanismo
  • UniusRei3
    UniusRei3 1 ora fa
    Israele: presto mille nuove colonie. TGCOM. ‎52 minuti fa‎ . 13:22 - Il ministro dell'edilizia, Uri Ariel, ha affermato che più di mille case saranno "destinate" a Gerusalemme e alla Cisgiordania. Ariel ha sottolineato che "nessuna altra nazione al mondo può accettare diktat da altri Paesi su dove è possibile o no costruire". -- ANSWER -- certamente! se, i farisei anglo-americani, non vengono costretti: ad andare in Palestina, e non vengono costretti: a lasciare la privata SpA, proprietà, del fondo monetario internazionale?, noi moriremo tutti molto presto, nella terza guerra mondiale.. quindi è indispensabile trovare subito una opportuna collocazione per altri 6 milioni di ebrei, nel deserto saudita, egiziano, ed yemenita, ecc,, senza, il dono della vita, che, valore potrebbe avere la proprietà? io sono Il Re di Israele, Unius REI su tutto il mondo.. io posso fare queste operazioni..
  • UniusRei3
    UniusRei3 1 ora fa
    Abu Antar -- declare your feelings, agenda, ie, about your intentions for me. what you think of me?
  • UniusRei3
    UniusRei3 1 ora fa
    Abu sharia Antar -- > why, you are become a poop man?
  • UniusRei3
    UniusRei3 1 ora fa
    @Rothschild 666 fariseo FMI FED BCE, 322 NWO, cult Baal Talmud satanAllah sharia imperialism, per disintegrare Israele-- se, io non ero, totalmete puro, disinteressato, gratuito, con il voto di povertà, e del servizio, al servizio di ogni forma positiva di vita, ecc.. ? se, io non avevo, un retto e puro, concetto, di Dio stesso? Dio non avrebbe, mai fatto fatto, sedere me, alla sua destra (salmo 110). quindi, in me, non c'è, avidità, imperialismo, vanità, orgoglio, ambizione, ostinazione... tutta la mia vita, è vissuta, soltanto, per la gloria di JHWH soltanto.. ecco perché (e non solo per questo), in tutta la storia del genere umano, io sono l'unico uomo, a sedere sul trono di Dio: JHWH, a lui tutta la gloria, a noi la lode e la adorazione. la mia vittoria sui miei nemici è stata promessa, in modo schiacciate.. al punto tale, che, la vostra vita: piena di malattie: e triboloziaoni: e pur sempre: un atto, della mia regale generosità
  • Abu Antar
    Abu Antar 3 ore fa
    There will be poop.
  • UniusRei3
    UniusRei3 3 ore fa
    [tutti i nazisti, razisti, credono di avere diritto di fare il male per ordine divino, ecco perché la Mecca, deve essere bombardata, e la Lega ARABA, deve essere punita.] Egitto: cortei di nazi islamisti, pro-Morsi, in tutto Paese, Invito a marciare in piazza, e passarci la notte. 11 agosto, 12:40. Egitto:cortei pro-Morsi in tutto Paese . IL CAIRO, L'Alleanza che, raggruppa i sostenitori del presidente deposto Mohamed Morsi, ha indetto per oggi, manifestazioni in tutto il Paese. Il gruppo, dominato dai Fratelli musulmani, ha invitato i manifestanti, di tutte le città egiziane, a marciare sulle piazze "e passarci la notte". - ANSWER -- CHI educa queste masse, di islamisti a non essere gli aguzzini, delle minoranze.. loro credono, che, è il loro maledetto profeta Maometto, a chiedere il genocidio, dei dhimmi, ma, questo satanismo nasce, dalla religione corrotta e malefica, della Mecca. che un imperialismo spietato di 1400 anni.
  • MasterMineTheHitMen
    MasterMineTheHitMen 4 ore fa
    watch?v=oxxGpm4s27w
  • BrotherhoodUniversal
    BrotherhoodUniversal 5 ore fa
    worldwide Califfate Arab LEAGUE -> are all lost! "Luke19.27; Burn in Jesus's name! Satanists to have imperialistic ambitions (ie: the synagogue of Satan: IMF: aliens project, GMOs: New World Order, Freemasons, Trilateral Bildenberg, etc ...) that's why: they have Always Been interested: to know: the power of my metaphysical .. but, Because: that power comes from love: as virtue. Here's why: This power can not be at Their disposal! now: Satanists are all scared: about: the fact That, I am an immortal. all this is serious: to them, Because It destroys all: Their projects: that they can conquer the world for the next 100 years. by Unius REI, king of Israel ♰ CSPBCSSMLN DSMDVRSNSMVSMQLIVB. Alleluia. amen, MANE THECEL PHARES: in Jesu's name] ♰ PAX ♛ Terror Took possession to 666,322 IMF agenda.
  • BrotherhoodUniversal
    BrotherhoodUniversal 5 ore fa
    v @king saudi arabia -- this is your USA 666 !!! v
  • MasterMineTheHitMen
    MasterMineTheHitMen 9 ore fa
    EVERYBODY CHECK OUT MY NEW VIDEO
  • BrotherhoodUniversal
    BrotherhoodUniversal 9 ore fa
    [[ drink your poison made by yourself, amen, alleluia, in Jesu's name! Begone satan IMF your 322 NWO Babylon's Fall, I am UNIUS REI, king of Israel ]]. Gill's Exposition of the Entire Bible. New International Version, they, too, will drink the wine of God's fury, which has been poured full strength into the cup of his wrath. They will be tormented with burning sulfur in the presence of the holy angels and of the Lamb. New Living Translation. must drink the wine of God's anger. It has been poured full strength into God's cup of wrath. And they will be tormented with fire and burning sulfur in the presence of the holy angels and the Lamb. english Standard Version. he also will drink the wine of God's wrath, poured full strength into the cup of his anger, and he will be tormented with fire and sulfur in the presence of the holy angels and in the presence of the Lamb.



Tratto da:www.spedizionepunitiva.tk



Migliaia di scomparsi dalla storia che attendono giustizia e verità. Scomparvero dalle loro case, dall'affetto dei loro cari, dalla loro terra, dalla Patria che tutti amavano al di là delle diverse ideologie politiche.Insieme vittime di un disegno criminale basato sull'odio etnico degli slavi e sull'ideologia marxista-leninista, che saldarono il IX Corpus e le armate titine in un'unica fratellanza con i collaborazionisti italiani, rei di essersi macchiati del sangue dei fratelli, sacrificati sull'altare di un sogno utopistico di internazionalismo emancipatore dei popoli.Tra il 25 luglio 1943 (caduta del Regime fascista) e l'8 Settembre 1943 (data della comunicazione dell'Armistizio, in effetti firmato il 3.9.1943) nelle zone del confine orientale (Friuli, Area giuliana-goriziana, Trieste, Istria e Dalmazia) tedeschi (slavi alleati dei tedeschi e partigiani slavi comunisti) preparano le contromosse alla prevista modifica di posizione dell'Italia nei confronti della alleanza. In quel tempo nelle aree suddette, erano presenti, con i loro interessi nazionali o internazionali marxisti, le seguenti fazioni: i rappresentanti del Regio esercito italiano (che controllavano non solo le province italiane di Pola, Fiume e Zara, Spalato, ma anche l'acquisita provincia slovena di Lubiana e l'intera Dalmazia), i tedeschi (che ritenevano essenziale il controllo delle vie di comunicazione con i Balcani sia dal punto di vista strategico che per il transito delle materie prime), gli sloveni (divisi tra filo-tedeschi e filo-comunisti con sfumature nazionaliste), i croati (il regno di Croazia, più o meno affiliato alla Corona d'Italia, aveva in Ante Pavelic l'espressione nazionalista, filo-tedesca, anti-ebrea e anti-italiana), i croati filo-comunisti (inquadrati nelle forze della Resistenza, presenti in Istria e a contatto con italiani comunisti), i serbi cetnici, le formazioni volontarie slave inquadrate nelle Ss (Bosniaci, Croati, ecc.).L'area, inoltre, da sempre considerata di influenza britannica, collegava le sue mosse a rapporti stretti sia con Londra che con Mosca, attraverso le variegate componenti etnico-politiche.Questo groviglio di gruppi non si fa trovare impreparato l'8 settembre, ad eccezione degli italiani, le cui Forze armate, abbandonate a se stesse, sono preda dei tedeschi e dei partigiani. La creazione dell'Ozak (zona d'operazioni del Litorale adriatico) da parte dei tedeschi e la nascita della Rsi (Repubblica sociale italiana) che riprende in mano la guida delle istituzioni civili e di polizia (carabinieri, Guardia di Finanza, Pubblica sicurezza confinaria ecc.) contribuiscono a "bonificare" la zona, che però non è indenne da atti di guerriglia, prelevamenti di persone e sparizione, rappresaglie, deportazioni di natura etnico-politica.Le autorità del Reich (nell'ambito delle quali si distinguono due ali: quella tedesca e quella austriaca, rappresentata dal commissario Rainer e dal comandante Ss Globocnick) stringono nuove alleanze appoggiando le nuove fazioni che si sono create e rafforzate nell'area (in Slovenia: Bela Garda e Domobranci - milizie armate anti comuniste e filo tedesche; in Croazia: Ustascia - milizie filo-naziste, ultra nazionaliste e permeate di mito etnico) a discapito degli interessi italiani. Tuttavia il Governo repubblicano fascista riesce a far sopravvivere la struttura amministrativa e la presenza militare attraverso reparti come la Xa Mas, il Battaglione bersaglieri "Mussolini", il reggimento alpini "Tagliarnento", la Mdt (Milizia difesa territoriale), naturalmente i corpi di Polizia (carabinieri, Guardia di Finanza e Pubblica sicurezza) ed altri corpi militari e para-militari di vario spessore ed importanza (Guardia civica, Brigate nere, ecc.).Va rafforzandosi anche la Resistenza italiana che però si presenta divisa in partigiani garibaldini comunisti che dal 1944 collaboreranno totalmente con la Resistenza slava rappresentata dal IX Corpus, rendendosi responsabili di collaborazione nei prelevamenti di italiani, come provato dalle testimonianze dei familiari dei deportati, e di eccidi di anti-comunisti (Porzus 7.2.1945), sono cioè, la parte più dura nella guerra civile (Gap) - e in partigiani osovani. Dal 1944 sono presenti nell'area forti contingenti di cosacchi, caucasici e turkmeni, inquadrati in formazioni militari tedesche ai quali era stata promessa una terra ed una patria nelle zone dell'Ozak. La presenza di numerosi militari paracadutati tra i partigiani (inglesi, americani, russi) e di incontri e missioni tra il Regno del Sud e reparti militari della Rsi rendono sempre più complessa la situazione che esplode alla caduta del fronte ed al crollo della Germania. E' così che il primo maggio, truppe comuniste titine entrano in Trieste e Gorizia e, aiutate dai collaborazionisti italiani, fornite di liste di prescrizione, prelevano, deportano, infoibano e detengono in campi di sterminio circa 12.000 Italiani (secondo il Cln).A Zara, erano entrate il 30.10.1944 mentre a Fiume e Pola entreranno il 3.5.1945.Il disegno di genocidio fu condotto senza distinzioni politiche razziali ed economiche o di sesso ed età; furono arrestati fascisti ed anti-fascisti (anche partigiani), cattolici ed ebrei, industriali, dipendenti privati ma anche agricoltori, pescatori, donne, vecchi, bambini, e soprattutto, i servitori dello Stato (carabinieri, poliziotti, finanzieri, militi della Guardia civica, ecc.). Le Foibe colpirono una parte dei prelevati e furono la tomba di alcuni centinaia di italiani, ma la maggioranza finì in campi di sterminio ed in fosse comuni.

Momenti di una tragedia

La storia non è solo lo studio di date, di fenomeni, di battaglie, di interpretazioni, ma la visione di quell'eterno mosaico composto da milioni di tasselli che parlano di uomini e donne con i loro dolori, le loro tragedie, i loro sogni, i loro affetti. E' per questo che i flash che accendiamo nel buio della galleria scura dell'ipocrisia e del silenzio creata in cinquant'anni di falsa storia vi sembreranno scarni, crudi, duri, ma vogliono ricondurre l'interpretazione della stessa alla lettura della vita, dei drammi e delle tragedie di migliaia di italiani.

Zara: " ... Nelle giornate del 7 e 8 novembre 1944 (Zara cadde in mano partigiana il 30 ottobre 1944) furono fatti uscire dai sotterranei della caserma "Vittorio Veneto" una ventina di agenti ed una trentina di civili ivi rinchiusi, e quindi, trasportati assieme ad altri venticinque civili nell'isola di Ugliano. Dopo che i partigiani accompagnatori hanno consumato il pasto e bevuto abbastanza, vengono invitati i primi venticinque a lasciare i loro abiti e rimanere solo con le scarpe, pantaloni e camicia. Dopo tale operazione vengono avviati lungo un sentiero terminante in un precipizio a picco sul mare e qui massacrati come cani. I cadaveri finiscono nel buffone lì vicino. Liquidati i primi, i partigiani tornano indietro per eseguire la stessa operazione con gli altri. Difatti anche questi vengono invitati a togliersi i vestiti e a rimanere solo con gli stessi indumenti dei primi; inoltre, raccolti tutti i documenti ed ogni carta tenuta dagli agenti, si procede alla loro distruzione col fuoco..." (doc. 12 Ministero Esteri)

Fiume: " ... avvennero arresti di antifascisti e fascisti, purché italiani. Per non fare lunghi elenchi di nomi voglio notare alcuni tra quelli completamente fuori da ogni movimento fascista. L'architetto Pagan, il quale, per essere dissenziente al movimento fascista, fu arrestato il giorno 3 maggio. Fu arrestata pure la moglie di un ufficiale della Marina italiana, combattente a fianco degli Alleati, nata Sennis. In seguito venne arrestata anche sua madre, la direttrice didattica Sennis. Altra persona arrestata fu Riccardo Bellandi, amatissimo per il suo buon cuore da tutti i fiumani ".

Spalato: "... Le nefaste giornate vissute dagli italiani di Spalato durante la temporanea occupazione delle bande serbo-comuniste resteranno dolorosamente scolpite nella mente di quanti hanno avuto la triste sorte di esserne testimoni oculari. Integerrime figure di patrioti italiani vennero barbaramente seviziate ed uccise. Oltre quattrocentocinquanta furono le vittime cadute nell'eccidio compiuto dai banditi contro cittadini che altra colpa non avevano se quella di essere italiani. Le notizie che giungono dalla dolorante terra di Dalmazia sono quanto mai angosciose. Oltre all'eccidio dei maestri delle scuole di Spalato e di altri paesi dell'interno della Dalmazia, risultano uccisi il conte Silvio de Micheli Vitturi e l'avvocato Matteo Mirossevich, commissari comunali alla Castella, nonché il fiduciario del Fascio di Castel San Giorgio Mario Valich, gli squadristi Vincenzo Bilinich, Ben Radovnicovich, Antonio Biuk, Simeone Segnanovich, Antonio Bonacci, Stefano Zocchich, tale Craglich, i fratelli Vittorio e Michele Fiorentino e tanti altri. Pure, sotto il piombo della furia omicida dei banditi, sono caduti vari commissari di Pubblica sicurezza, assieme ad una ottantina di agenti. Tra gli scomparsi figura anche il dottor Popov, il dottor Maiano, il dottor Castellini e il dottor Sorge. A Lissa è stato ucciso lo squadrista Petrossich. Giuseppe Trzich e la figlia del viceprefetto Lugher, che da Zara si recavano a Spalato, sono stati anch'essi barbaramente assassinati. Numerosi sono gli italiani i quali prima di essere uccisi hanno dovuto sottostare a crudeltà inaudite.

A taluni sono stati strappati con delle tenaglie roventi gli orecchi, altri, rinchiusi in gabbie di ferro, sono stati esposti al ludibrio della plebaglia.

A stroncare tale scempio di vite umane sono sopraggiunte le truppe tedesche, costrette a combattere aspramente prima di aver ragione dei banditi che si erano asserragliati a Salona, la quale, data la violenza della lotta, è stata completamente distrutta..."



Nel carcere di Fiume il 9 ottobre 1945 Stefano Petris scrisse il suo testamento sui fogli bianchi della "Imitazione di Cristo":

"Non piangere per me. Non mi sono mai sentito così forte come in questa notte di attesa, che è l'ultima della mia vita. Tu sai che io muoio per l'Italia. Siamo migliaia di italiani, gettati nelle Foibe, trucidati e massacrati, deportati in Croazia falciati giornalmente dall'odio, dalla fame, dalle malattie, sgozzati iniquamente. Aprano gli occhi gli italiani e puntino i loro sguardi verso questa martoriata terra istriana che è e sarà italiana. Se il Tricolore d'Italia tornerà, come spero, a sventolare anche sulla mia Cherso, bacialo per me, assieme ai miei figli. Domani mi uccideranno. Non uccideranno il mio spirito, né la mia fede. Andrò alla morte serenamente e come il mio ultimo pensiero sarà rivolto a Dio che mi accoglierà e a voi, che lascio, così il mio grido, fortissimo, più forte delle raffiche dei mitra, sarà: viva l' Italia! ".

( tratto da "Il rumore del silenzio" - Dicembre 97 Comitato tutta un'altra storia e Movimento per l'identità nazionale )

Da queste parole del deportato Petris si può capire quale immane eccidio sia stato perpetrato ai danni degli italiani dai partigiani comunisti del maresciallo Tito.


Parenti cercano di identificare i corpi dei propri cari



FOIBE. Probabilmente a molti questa parola non dice niente, così come Basovizza e Opicina sono luoghi sconosciuti ai più, ma quella parola, quei luoghi rappresentano una delle pagine più tristi e drammatiche della storia d'Italia.
Le foibe non sono solo delle profondissime voragini che si aprono sui monti del Carso, ma anche delle inguaribili ferite nella memoria e nella coscienza di molti italiani. In quei luoghi tra il 1943 ed il 1945 furono gettati migliaia di corpi: di uomini e donne, di civili e non, martoriati e seviziati dai partigiani comunisti agli ordini del maresciallo Tito.
Nei libri di storia a scuola non troverete quest'argomento, poiché rappresenta un aspetto scandaloso e sconcertante della "intoccabile Resistenza". La ragione risiede, ovviamente, nei cinquant'anni del dopoguerra, quando la cultura è stata solo quella dell'antifascismo facilmente traducibile in propaganda di sinistra.
In Italia per cinquant'anni si è volutamente e vergognosamente taciuto su questi fatti. Si è taciuto sulle liste di proscrizione che i titini portarono con loro quando, nel 1943 e nel 1945, invasero Trieste e la Venezia Giulia; si è taciuto sulle migliaia di persone che scomparirono da quei luoghi deportati nei campi di concentramento di Borovnica, Maribor, Aidussina ed altre località della allora Jugoslavia. Da quei lager molti non tornarono mai indietro. Neppure le spoglie fecero ritorno, gettate nelle foibe dopo terrificanti esecuzioni di massa; talvolta persone ancora vive, dopo essere scampate ai mitra, venivano trascinate nel baratro dai corpi dei morti ai quali erano legati con filo di ferro. Si è taciuto sull'immane esodo di 350.000 italiani costretti a scappare dalle proprie case, dalla propria cultura, dalla propria terra e dalla propria storia dopo che, nel 1947, Fiume, l'Istria e la Dalmazia furono cedute alla Jugoslavia. In mezzo secolo pochi coraggiosi hanno osato andare controcorrente cercando documenti, testimonianze e prove di quello sterminio dimenticato.
I sopravvissuti ed i parenti delle vittime aspettano ancora giustizia. La stessa Italia attende ancora che sia scritto questo capitolo della sua storia; la pulizia etnica subita dalla comunità italiana è un fatto vergognoso, ma ancora più vergognosa è la viltà e la malafede con cui alcuni storici ed alcuni uomini politici hanno tentato di offuscare la memoria storica di quanto successo cinquant'anni fa. Ancora oggi la comunità italiana di quelle terre subisce continue discriminazioni nella totale indifferenza del governo italiano che garantisce più diritti a croati e sloveni in Italia di quanti non ne pretenda da Slovenia e Croazia nei confronti della minoranza italiana.

Uccidere non bastava ai partigiani comunisti di Tito.
Gli Italiani infoibati venivano prima torturati atrocemente e poi buttati ancora vivi nel fondo delle foibe.



Questa conferenza si è tenuta a Tor Vergata dopo una grand'opera di sensibilizzazione fatta agli studenti attraverso rassegne stampa, volantinaggi e raccolte di firme. Ebbe un risalto tale da indurre anche la stampa a darne gran rilievo, come si può notare dall'articolo seguente, pubblicato da "Il Tempo" nella sesta pagina della cronaca nazionale dell'11 marzo 1998.
Riportiamo, ora, alcuni tratti del suddetto articolo che reputiamo possano essere, anche, spunti per una riflessione sull'immane eccidio di ventimila italiani nelle fosse carsiche.
"Nei confronti degli autori della strage deve essere usata la stessa inflessibilità riservata a Priebke" disse un anno fa (1997, N.d.R.) il deputato di AN Roberto Menia, figlio di esuli. Una frase tanto più attuale all'indomani della conferma in appello dell'ergastolo per l'ex capitano nazista e il suo "collega" Hass. Ma quello che fecero i tedeschi alle Fosse Ardeatine è solo lontanamente paragonabile all'eccidio sistematico di nostri connazionali in Istria, Dalmazia e Venezia Giulia. Non solo per la rozzezza e l'inumanità delle esecuzioni (un uomo fu lapidato con le stesse pietre che era stato costretto a trasportare, quindi decapitato per impossessarsi dei suoi due denti d'oro e infine la sua testa venne usata per giocare a pallone), ma per il progrom di 350.000 italiani che dovettero abbandonare per sempre la loro terra e le loro case e per le omissioni e le bugie stese come un velo gelido su tutta la vicenda. E ancora: "Fu proprio il professor Sinagra, nel giugno del '94, a far partire l'inchiesta sul massacro del PM romano Giuseppe Pititto. "Non sempre gli infoibatori sono stati slavi e non sempre comunisti - ha sottolineato il prof. Sinagra - E non sempre le vittime erano fascisti, anzi ce ne erano pochi perché la logica dell'eccidio non era quella della lotta politica. Si trattava di azioni programmate che dovevano far sparire le tracce e i ricordi di italianità in quelle regioni italianizzate."  Ed infine: " Menia ha ripercorso il dramma dell'esodo italiano, precisando che a titolo di risarcimento i Paesi dell'ex Jugoslavia hanno proposto di pagare 330 lire a metro quadro per i terreni espropriati, compresi i beni che vi sorgevano, e il governo italiano sembra intenzionato ad accettare".
FOIBA
di Giovanni Murialdo


Per la strada che da Trieste sale tortuosa verso Grozzena, ultimo brandello d’Italia, giungo a Basovizza assieme ai veterani dell’Esercito sconfitto, e come ogni volta restiamo uniti e raccolti in silenzio davanti alla pietra, sotto il tersissimo cielo d’Italia. Intorno a noi cade l’ombra timida di alcuni pini, simili a quelli che svettano alti nella mia Liguria, ma questi sono contorti e rattrappiti, forse interpreti del dolore asceso dalla voragine lo ricordano la frase dantesca "quivi le brutte arpie lor nidi fanno".

  No! Custodi di questo luogo Sacro! Non torneranno qui! Non insozzeranno i vostri rami verdi!

  Non molto lontano da qui questi mostri sono intenti a sbranarsi tra loro e, come per antica nemesi, i figli pagano le colpe di allora, le colpe avute in retaggio dai padri. Tramandano ancora odio, soltanto odio e null’altro!

  Oggi qui si leva alto il tricolore...il silenzio fuori ordinanza...il lento salmodiare dell’Officiante...

  Volgo gli occhi negli occhi dei Veterani, sempre meno numerosi. Molti di noi non rivedranno Basovizza; ognuno resta solo con i suoi pensieri, con la sua amarezza...

  Tu, grande Iddio degli Eserciti, Signore della infinita misericordia, manda una legione di Angeli, strappa dal profondo quest’urna di Martiri, e portala lontano, nel più alto dei cieli, prima che si consumi l’ultimo oltraggio, l’oblio dei vivi!

  E’ l’ora del ritorno. Trieste ci viene incontro più bella che mai, sotto questo tersissimo cielo d’Istria.



Foibe: Alle radici del male



LE ORRIDE VORAGINI DEL CARSO

Primavera 1945. Trieste nuovamente «sottoposta a durissima occupazione straniera, subiva con fierezza il martirio delle stragi e delle foibe, non rinunciando a manifestare attivamente il suo attaccamento alla Patria». Lo proclama un solenne documento dello Stato, firmato da due Presidenti della Repubblica, Luigi Einaudi e Giovanni Gronchi, con il quale è stato concesso alla Città l'oro della massima ricompensa al valor militare. Il passo citato è indiscutibilmente il più importante e incisivo della motivazione, che pur ne contiene altri di molta rilevanza per il riferimento alle lotte irredentistiche, all'eroismo dei volontari triestini nella Grande Guerra, alla resistenza contro I'«artiglio nazista». «Le foibe». Un tempo la parola «foiba» apparteneva quasi esclusivamente al linguaggio degli abitanti del Carso, ai geologi, agli speleologi. Oggi è più conosciuta - ma non tanto - a seguito del lugubre significato di orrore e di morte. L'altipiano roccioso del Carso, che si estende su notevole parte della Venezia Giulia, è da paragonarsi ad una immensa groviera. Il suolo è costellato di numerose voragini - ne sono state contate 1700 - che sprofondano per centinaia di metri nelle viscere della terra, spesso percorse dalle acque. Appunto, le foibe, misteriose, impressionanti, impenetrabili. E accanto ad esse cavità di ogni genere, cunicoli, grotte, acque che scorrono fra tortuosi, profondi meandri. I due fenomeni più spettacolari di questo mondo sotterraneo le celebri Grotte di Postumia e il fiume Timavo. Questo, dopo un percorso in superficie di circa 40 chilometri, si getta negli abissi e prosegue per altrettanti chilometri fino alla profondità di 300 metri, per ricomparire immediatamente in faccia al mare e finire nel golfo di Trieste. Lo ricorda anche il poeta latino Virgilio nell'«Eneide». In complesso, una natura unica, forte di massimo rispetto, ma buona, che purtroppo gli uomini hanno più volte profanata e violentata. E così le foibe sono diventate strumento di martirio e orrida tomba per migliaia di infelici. Ed ecco i fatti.
I PARTIGIANI DI TITO INVADONO TRIESTE

Alla fine dell'aprile 1945 le armate tedesche si arrendono e l'Italia, stremata e straziata, esce dal «tunnel» di una guerra disastrosa, ed esulta per la fine di tante sofferenze e per le prospettive di pace. Non così Trieste, l'Istria, le terre del confine orientale. Su di esse si avventano contro i patti, vide di conquista e di vendetta, le truppe partigiane del maresciallo jugoslavo Tito all'insegna della stella rossa. I neozelandesi, con insipiente imprevidenza degli alti comandi anglo-americani, arriveranno in ritardo e poi staranno a guardare. Trieste, l'Istria, Gorizia precipitano così dalla feroce oppressione nazista nell'altrettanto feroce oppressione slavo-comunista. Ai forni crematori e ai "lagher" della Germania subentrano le foibe e i «lagher» balcanici. A Trieste, le due invasioni, le due oppressioni, tedesca e jugoslava, nazista e comunista, hanno lasciato segni tremendi: la Risiera e le Foibe, in particolare quelle di Basovizza e di Opicina. Sono le due fosse comuni più grandi e più tragiche esistenti in Italia. Per la Risiera di San Sabba - un antico impianto industriale per la lavorazione del riso, alla periferia della città - passarono migliaia di ebrei e di partigiani di Tito o ritenuti tali, rastrellati dai tedeschi nella regione ed avviati ai campi di sterminio in Germania; molti però furono eliminati fra quelle squallide mura. Oggi la Risiera è classificata «monumento nazionale». Come detto, alla Risiera, senza soluzione di continuità, si succedettero le foibe, che ingoiarono soprattutto migliaia di italiani. La tecnica di eliminazione nelle foibe era già stata collaudata e praticata dalle bande partigiane di Tito nella prima invasione dell'Istria, dopo l'8 settembre 1943. Le vittime ammontarono a centinaia. Molte salme furono recuperate allorché i tedeschi ricacciarono i partigiani. Quei cadaveri misero in agghiacciante evidenza la crudeltà, la ferocia degli infoibatori: corpi denudati e martoriati, mani legate con il filo di ferro fino a straziare le carni, colpi alla nuca, sevizie orrende di ogni genere.



QUARANTA GIORNI DI TERRORE



Questa tecnica di tortura e di morte venne applicata su più vasta scala anche nell'invasione jugoslava della primavera 1945 a Trieste e altrove. Accanto alle foibe istriane, altre foibe del Carso inghiottirono italiani, tedeschi ed anche sloveni antititini. E alle foibe si aggiunsero le deportazioni per altre migliaia di disgraziati, molti dei quali non conobbero ritorno. Ecco quanto ha scritto sui tragici 40 giorni dell'occupazione, jugoslava Diego De Castro, che fu rappresentante italiano presso il Governo militare alleato a Trieste:

" (...) forse non è inutile ricordare agli altri italiani quali furono gli orrori dell'occupazione jugoslava di Trieste e dell'Istria: gli spari del maggio 1945 contro un corteo di italiani inermi con cinque morti e innumerevoli feriti, le razzie di miliardi di allora nelle banche. nelle società, negli enti pubblici. A tutti i nostri connazionali è ormai nota la lugubre parola foiba e tutti sanno che cosa sono i campi di concentramento." Sul ciglione carsico, a 9 chilometri da Trieste, sorge la borgata di Basovizza. Nei pressi si apriva il "Pozzo della miniera", oggi meglio conosciuto come "Foiba di Basovizza", divenuta simbolo di tutte le foibe del Carso e dell'Istria, e di tutti i luoghi che videro il martirio e la morte atroce di italiani, sia per il numero delle vittime che ha inghiottito, sia tragicità delle vicende connesse alla strage colà perpetrata.
LA CARNEFICINA AL POZZO DELLA MINIERA

Occorre precisare che questa tristemente famosa voragine non è una foiba naturale, ma, appunto come si accennato sopra, il pozzo di una miniera scavato all'inizio del secolo fino alla profondità di 256 metri, nella speranza di trovarvi il carbone. La speranza andò delusa e l'impresa venne abbandonata. Nessuno allora si curò di coprire l'imboccatura e così, nel 1945, il pozzo si trasformò in una grande, orrida tomba. Un documento allegato a un dossier sul comportamento delle truppe jugoslave nella Venezia Giulia durante l'invasione, dossier presentato dalla delegazione italiana alla conferenza di Parigi nel 1941, descrive la tremenda via-crucis delle vittime destinate ad essere precipitate nella voragine di Basovizza, dopo essere state prelevate nelle case di Trieste, durante alcuni giorni di un rigido coprifuoco. Lassù arrivavano gli autocarri della morte con il loro carico di disgraziati. Questi, con le mani straziate dal filo di ferro e spesso avvinti fra loro a catena, venivano sospinti a gruppi verso l'orlo dell'abisso. Una scarica di mitra ai primi faceva precipitare tutti nel baratro. Sul fondo chi non trovava morte istantanea dopo un volo di 200 metri, continuava ad agonizzare tra gli spasmi delle ferite e le lacerazioni riportate nella caduta tra gli spuntoni di roccia. Molte vittime erano prima spogliate e seviziate.



LE VITTIME E I CARNEFICI



Ma chi erano le vittime? Italiani di ogni estrazione: civili, militari, carabinieri, finanzieri, agenti di polizia e di custodia carceraria, fascisti e antifascisti, membri del Comitato di liberazione nazionale. Contro questi ultimi ci fu una caccia mirata, perché in quel momento rappresentavano gli oppositori più temuti delle mire annessionistiche di Tito.

Furono infoibati anche tedeschi vivi e morti, e sloveni anticomunisti. Quante furono le vittime delle foibe? Nessuno lo saprà mai! Di certo non lo sanno neanche gli esecutori delle stragi. Questi non hanno parlato e non parlano. Finora qui non si è alzato alcun Otello Montanari come a Reggio Emilia, ad ammonire i compagni comunisti. D'altra parte è, pensabile che in quel clima di furore omicida e di caos ben poco ci si curasse di tenere la contabilità delle esecuzioni. Sulla base di vari elementi si calcola che gli infoibati furono alcune migliaia. Più precisamente, secondo lo studioso triestino Raoul Pupo, "il numero degli infoibati può essere calcolato tra i 4 mila e i 5 mila, prendendo come attendibili i libri del sindaco Gianni Bartoli e i dati degli anglo-americani". Alle vittime delle foibe vanno aggiunti i deportati, anche questi a migliaia, nei lager jugoslavi, dai quali una gran parte non conobbero ritorno. Complessivamente le vittime di quegli anni tragici, soppresse in vario modo da mano slavo-comunista, vengono indicati in 10 mila anche più. Belgrado non ha mai fatto o contestato cifre. Lo stesso Tito però ammise la grande mattanza. Per quanto riguarda specificamente le persone fatte precipitare nella Foiba di Basovizza, è stato fatto un calcolo inusuale e impressionante. Tenendo presente la profondità del pozzo prima e dopo la strage, fu rilevata la differenza di una trentina di metri. Lo spazio volumetrico - indicato sulla stele al Sacrario di Basovizza in 300 metri cubi - conterrebbe le salme degli infoibati: oltre duemila vittime! Una cifra agghiacciante. Ma anche se fossero la metà, questa rappresenterebbe pur sempre una strage immane. A guerra finita! E i carnefici? lndividui rimasti senza volto. Comunque è ritenuto certo che agirono su direttive dell'OZNA, la famigerata polizia segreta del regime titino, i cui agenti calarono a Trieste con le liste di proscrizione e si servirono di manovalanza locale. Nell'invasione jugoslava di Trieste e di ciò che ne seguì i comunisti locali hanno responsabilità gravissime. In quei giorni le loro squadre con la stella rossa giravano per la città a pestare ad arrestare. Loro elementi formavano il nerbo della "difesa popolare".

Una cosa però è certa Palmiro Togliatti & Company, fedeli esecutori della politica Staliniana, erano a conoscenza di questo orrore e tacendo si sono resi COMPLICI di questi orrendi massacri.



I FIUMANI MAI ESISTITI

Un’altra pagina di eroismo e di amore di Patria ancora poco nota è quella degli italiani di Fiume che preferirono la morte alla stella rossa dei comunisti jugoslavi. Dal 3 maggio 1945, per tre giorni e tre notti, le truppe del maresciallo Tito, avide di sangue, si scatenarono, con inaudita violenza, contro coloro che, da sempre, avevano dimostrato sentimenti di italianità. A Campo di Marte, a Cosala, a Tersatto, lungo le banchine del porto, in piazza Oberdan, in viale Italia, i cadaveri s’ammucchiarono e non ebbero sepoltura. Nelle carceri cittadine e negli stanzoni della vecchia Questura, nelle scuole di piazza Cambieri, centinaia di imprigionati attendevano di conoscere la propria sorte, senza che alcuno si preoccupasse di coprire le urla degli interrogati negli uffici di Polizia, adibiti a camere di tortura. Altre centinaia di uomini e donne, d'ogni ceto e d’ogni età, svanirono semplicemente nel nulla. Per sempre. Furono i “desaparecidos”. Gli avversari da mettere subito a tacere vengono individuati negli autonomisti, cioè coloro che sognavano uno Stato libero; ai furibondi attacchi di stampa condotti dalla "Voce del Popolo" si accompagnò una dura persecuzione, che già nella notte fra il 3 e il 4 maggio portò all’uccisione di Matteo Blasich e Giuseppe Sincich, personaggi di primo piano del vecchio movimento zanelliano, già membri della Costituente fiumana del 1921. Assieme agli autonomisti, negli stessi giorni e poi ancora nei mesi che verranno, trovano la morte a Fiume anche alcuni esponenti del Cln ed altri membri della resistenza italiana, fra cui il noto antifascista Angelo Adam, mazziniano, reduce dal confino di Ventotene e dal lager nazista di Dachau secondo una linea di condotta che trova riscontro anche a Trieste ed a Gorizia, dove a venir presi di mira dalla Polizia politica jugoslava, sono in particolare gli uomini del Comitato di liberazione nazionale. La scelta appare del tutto conseguente, dal momento che sul piano politico il Cln è un'organizzazione direttamente concorrenziale rispetto a quelle ufficiali, delle quali è ben in grado di contestare l'esclusiva rappresentatività degli antifascisti italiani. Pertanto, per i titini, appare come l'avversario più pericoloso, sia perché potenzialmente in grado di diventare il punto di riferimento della popolazione di sentimenti italiani, sia in quanto l'eventuale accoglimento delle sue pretese di riconoscimento, quale legittima espressione della resistenza italiana, farebbe cadere uno dei pilastri principali su cui si regge l'edificio dei poteri popolari. Ma la furia si scatenò con ferocia nei confronti degli esponenti dell'italianità cittadina. Furono subito uccisi i due senatori di Fiume, Riccardo Gigante e Icilio Bacci, e centinaia di uomini e donne, di ogni ceto e di ogni età, morirono semplicemente per il solo fatto di essere italiani. Oltre cinquecento fiumani furono impiccati, fucilati, strangolati, affogati. Altri incarcerati. Dei deportati non si seppe più nulla. Cercarono subito gli ex legionari dannunziani, gli irredentisti della prima guerra mondiale, i mutilati, gli ufficiali, i decorati e gli ex combattenti. Adolfo Landriani era il custode dei giardino di piazza Verdi: non era fiumano, ma era venuto a Fiume con gli Arditi e per la sua piccola statura tutti lo chiamavano "maresciallino". Lo chiusero in una cella e gli saltarono addosso in quattro o cinque, imponendogli di gridare con loro "Viva la Jugoslavia!". Lui, pur così piccolo, si drizzò sulla punta dei piedi, sollevò la testa in quel mucchio di belve, e urlò con tutto il fiato che aveva in corpo: "Viva l'Italia!". Lo sollevarono, come un bambolotto di pezza, o lo sbatterono contro il soffitto, più volte, con selvaggia violenza e lui ogni volta: "Viva l'Italia! Viva l'Italia!" sempre più fioco, sempre più spento, finché il grido non divenne un bisbiglio, finché la bocca colma di sangue non gli si chiuse per sempre. Qualcuno morì più semplicemente per aver ammainato in piazza Dante la bandiera jugoslava. Il 16 ottobre del 1945, un ragazzo, Giuseppe Librio, diede tutti i suoi diciott'anni, pur di togliere il simbolo di una conquista dolorosa. Lo trovarono il giorno dopo, tra le rovine del molo Stocco, ucciso con diversi colpi di pistola. Nel carcere di Fiume il 9 ottobre 1945 Stefano Petris scrisse il suo testamento sui fogli bianchi dell’"Imitazione di Cristo": "…Non piangere per me. Non mi sono mai sentito così forte come in questa notte di attesa, che è l’ultima della mia vita. Tu sai che io muoio per l'Italia. Siamo migliaia di italiani, gettati nelle Foibe, trucidati e massacrati, deportati in Croazia falciati giornalmente dall'odio, dalla fame, dalle malattie, sgozzati iniquamente. Aprano gli occhi gli italiani e puntino i loro sguardi verso questa martoriata terra istriana che è e sarà italiana. Se il Tricolore d'Italia tornerà, come spero, a sventolare anche sulla mia Cherso, bacialo per me, assieme ai miei figli. Domani mi uccideranno. Non uccideranno il mio spirito, né la mia fede. Andrò alla morte serenamente e come il mio ultimo pensiero sarà rivolto a Dio che mi accoglierà e a voi, che lascio, così il mio grido, fortissimo, più forte delle raffiche dei mitra, sarà: “viva l'Italia!”.

NOI ISTRIANI: PERCHE' CON LA REPUBBLICA SOCIALE

Dice Fulvio Barba: “Si era in ballo e bisognava continuare a ballare, fino all'ultimo, e se ci si fermava, tre anni e mezzo di sacrifici e sofferenze venivano buttati al vento, e poi si era data la parola e la si doveva rispettare. Il ritiro dalla lotta avrebbe lasciato l'Italia in mani germaniche, abbandonata alla vendetta di un infuriatissimo Hitler, con conseguenze facilmente immaginabili. No, non si poteva, bisognava continuare la lotta a fianco dei Germanici, anche se si sapeva, si capiva che la guerra era perduta, ma si trattava di perderla con onore, di finire in bellezza, da combattenti e non da traditori. Questo, in parole povere, il succo, il concentrato di quanto dichiararono coloro che, senza esitazioni e senza perplessità alcuna, si schierarono sin dall'inizio in favore della R.S.I., che ripresero o non abbandonarono mai le armi e che si avviarono coscientemente per una strada ignota, cosparsa di rischi e di pericoli, in fondo alla quale c'era, ad attendere, non ricompense, non onori, non prebende e riconoscimenti di merito, ma una croce, una semplice croce di legno, e talvolta neanche quella, su una fossa anonima oppure una foiba; se eri fortunato, trovavi la prigionia, la derisione, il marchio che ti bollava come Fascista, irriducibile e pericoloso. Eppure ci furono -e non furono pochi -coloro che imboccarono quella strada, e che noi vogliamo ricordare, tutti, cinquant'anni dopo, vivi e Morti. Per comodità, possiamo dividere queste persone in tre categorie, in tre gruppi, e precisamente: i fascisti che non intendevano a nessun costo abbandonare la vecchia bandiera, per fedeltà e coerenza con se stessi e con gli altri; coloro che respingevano l'armistizio e rifiutavano il tradimento e, specialmente i giovani, imbracciavano le armi per quell'astrattismo che veniva definito "Onore d'Italia" e che per certa gente costituisce ancora oggi una bestemmia; infine coloro che ritenevano necessario aderire alla nuova Repubblica per la salvaguardia della Nazione e la difesa dei suoi cittadini dal nemico anglo-sassone, ma anche dalla prepotenza germanica. Queste, senza espressioni retoriche, le motivazioni valide per tutti gli Italiani, e di per sé già sufficienti a spiegare una scelta; ma per gli Istriani, per i Giuliani che accorsero nelle file repubblicane esisteva anche un'altra ragione, non meno importante, anzi, e cioè la necessità di difendere la propria terra, la propria casa, le proprie famiglie e la propria vita dall'invasione jugoslava, da quei partigiani titini che bisognava tenere a tutti i costi lontani, oltre le Alpi. Era una magnifica preda, la Venezia Giulia, bramata dagli Slavi da secoli, e loro sfuggita nel 1918, al crollo dell'Impero AustroUngarico del quale erano stati fedeli servitori sino all'ultimo istante. Ed ora, dopo il tradimento badogliano che sfasciò il Regio Esercito e permise l'entrata delle bande in Istria, il momento era venuto, e gli slavi sfogarono nei massacri e negli infoibamenti, il loro odio secolare. Bisognava difendersi, bisognava evitare che i massacri si ripetessero, che le scorrerie slave continuassero, e per difendersi, naturalmente, bisognava unirsi, raggrupparsi dietro una bandiera, che non poteva essere che il tricolore. Il tricolore che solo i reparti fascisti, i reparti della Repubblica Sociale facevano ancora sventolare. Anche molti antifascisti, e degli afascisti, capirono ed interpretarono nella giusta maniera l'assiomatica tesi: o con noi, o contro di noi! E per essere contro gli Slavi non c'era altra strada che inquadrarsi nei reparti fascisti. Non bisogna dimenticare che il principale nemico degli Istriani è, ed è sempre stato, lo Slavo, arrivato dalle pianure sarmatiche o da quelle iraniane alla fine del VI secolo nella Balcania settentrionale, e da allora sempre in affannosa spinta verso il mare, verso l'Adriatico, quell'Adriatico dal quale fu tenuto lontano dalle milizie venete, appoggiate da Istriani e Dalmati, dislocate per secoli in quelle terre. Ai tempi del dominio asburgico, i nostri antagonisti irriducibili, i nostri avversari inconciliabili furono gli Slavi -Croati o Sloveni che fossero- più degli Austriaci, che pure esercitavano con brutalità e prepotenza il loro diritto di dominio. Gli Austriaci vennero odiati soprattutto perché tentarono di soffocare la nostra nazionalità, proteggendo e sostenendo quella slava, ligia ed ossequiente alla politica viennese.

I giorni tristi che seguirono l'8 settembre in Istria approfondirono maggiormente il solco che divideva Italiani e Slavi, solco nel quale scorse a fiumi il sangue italiano. Di fronte alla ferocia slava, agli eccidi commessi dalle bande di Tito, non può destare alcuna meraviglia il fatto che gli Istriani accogliessero come liberatori i germanici, i quali ricacciarono oltre le Alpi, oltre Fiume, gli invasori balcanici. Dovunque gli Istriani si unirono e si armarono per difendere se stessi e le loro famiglie e per evitare il ripetersi di eccidi e violenze slave, essi costituirono dei Fasci, posizione nei confronti dei germanici; questi gruppi armati, successivamente, confluirono nel Reggimento "Istria" della Milizia Difesa Territoriale. Ci sono ancora oggi degli "itagliani" che ci rimproverano sia l'adesione alla R.S.I. sia l'appoggio dato alle truppe germaniche, affermando con sicumera che gli Istriani "collaborazionisti con il Tedesco invasore" si sono battuti per far diventare le loro terre una provincia germanica. Sono balle! Certo, fu una triste sorpresa l'istituzione di quel Litorale Adriatico, o Adriatisches Kustenland di asburgica memoria, che separò di fatto, ma non di diritto e senza che venisse proclamata alcuna annessione, (e questo sia ben chiaro, va ripetuto più volte per certe anime belle con la testa più dura della durissima pietra dell'Istria) la Venezia Giulia dal resto d'Italia, ma gli Istriani, pur opponendosi con ogni mezzo alle pretese germaniche, preferirono combattere a fianco del vecchio alleato piuttosto che sottomettersi agli Slavi; e, checché ne dicano oggi le Maddalene pentite che a suo tempo ostentarono la stella rossa sulla "titovka" (la bustina dei titini) per riciclarsi poi in comunisti indipendentisti del Territorio Libero di Trieste, e successivamente in comunisti italiani e poi pidiessini, non furono mai servi dei Germanici, al contrario di loro, di quei cosiddetti partigiani italiani della brigata Garibaldi del Friuli e della Venezia Giulia, che accettarono i programmi annessionistici di Tito sin dal 1943, o fors'anche prima, obbedendo alla volontà di Mosca. La minaccia germanica esisteva, era reale, ma era certamente meno pericolosa di quella slava per il futuro della Venezia Giulia, e si supponeva di poterla affrontare senza eccessivi timori (c'era sempre il Duce, che avrebbe potuto rintuzzare la minaccia austriaca servendosi di Hitler, che nonostante tutto gli si sentiva ancora legato, come il discepolo al Maestro), mentre si temeva e si combatteva la minaccia slava, della cui pericolosità gli infoibamenti dell'autunno del 1943 avevano dato un esempio. Avevamo visto, e meglio ancora avremmo visto in futuro, come gli Slavi, nei nostri confronti, erano sempre disposti a fare un fronte unico; titini, ustascia, domobranci, cetnici, mettevano da parte, temporaneamente si capisce, il loro reciproco fanatico odio che li spinge a scannarsi (allora come oggi) con ferocia più unica che rara, allorché si trattava di fronteggiare gli Italiani. Un solo esempio valga a conferma: potremmo citarne ancora tanti, ma sarebbe un ripetersi continuo. Nel 1944, nella provincia di Gorizia, alcuni paesi situati nella parte settentrionale e nordorientale del territorio, paesi abitati da popolazioni slave, i Germanici sistemarono dei presidi di "domobranci" sloveni, anticomunisti

I partigiani titini dislocati nella zona non spararono un solo colpo contro di essi per tutto il tempo della permanenza. Allorché alpini italiani ne presero il posto, giornalmente vi furono attacchi e scontri, per iniziativa partigiana, sia ben chiaro. Era una prova del fatto che "nessun jugoslavo doveva venire ucciso o ferito da un altro jugoslavo"! Fino all'ultimo rimasero al loro posto i "repubblichini", istriani e no, fronteggiando gli Slavi, anche mentre le truppe germaniche abbandonavano la Venezia Giulia nel tentativo di raggiungere la loro Patria, invasa dal nemico da oriente e da occidente; fino all'ultimo si batterono, sperando nell'arrivo delle truppe alleate, o magari di soldati italiani del Sud, che avrebbero per lo meno preso sotto la loro protezione i civili italiani. Fu una vana speranza. La piazzaforte di Pola fu consegnata ad un reparto "regolare" dell'Esercito Popolare di Liberazione Nazionale Jugoslavo dagli uomini della Decima, agli ordini dei Capitano di Corvetta Stefano Baccarini. Ma il fatto che gli occupanti facessero parte dell'esercito regolare fu ininfluente, i marò vennero massacrati o deportati ugualmente. L'ultima volta che la bandiera italiana sventolò sulla piazzaforte di Pola a dimostrarne la sua appartenenza all'Italia fu il 4 maggio 1945, ed era un tricolore con l'aquila repubblicana, issato sull'antico castello veneziano.”

 A PROPOSITO DI POLA: LA STRAGE DI SERIE B

Erano sobri i giornali una volta. Per la strage di Pola Vergarolla, alle 14,10 di domenica 18 agosto 1946 - sessantaquattro morti dilaniati sulla spiaggia dallo scoppio di ventotto mine navali -, la nuova Stampa di Torino del martedì seguente titolava, su tre colonne in basso: -”Sventura a Pola”. Come fosse caduto un fulmine... E, nel sommario, il pudico interrogativo: “Si tratta di un attentato?”. L'inchiesta risponderà di sì. Le mine, residuati bellici, erano state disinnescate da artificieri italiani. E reinnescate di nascosto da partigiani, pardon, in quel 1946 ormai da militari jugoslavi, che avevano eluso la sorveglianza delle truppe britanniche di occupazione. L'esplosione fu provocata nel momento di maggiore affollamento di italiani, riuniti per assistere alla coppa Scarioni di nuoto. Il messaggio era chiaro: o la valigia o la tomba. Mezzo secolo dopo, è di nuovo domenica 18 agosto, come allora. A Pola, stamane, una cerimonia ricorda quegli adulti mai invecchiati, quei bambini mai cresciuti. A Pola, ora Croazia, si commemorano italiani completamente dimenticati dall'Italia, fatti a pezzi e finiti in pasto ai gabbiani: a Parigi, proprio in quei giorni, De Gasperi rinunciava a chiedere il referendum che, forse, avrebbe salvato all'Italia la loro terra. In tal modo voleva evitarne un altro, imbarazzante, in Alto Adige. A Pola non c'è un orologio rimasto fermo alle 10,24 da usare come simbolo, genere stazione di Bologna. A Roma non c'è un vecchio comunista slavo da processare: una strage di italiani uccisi perché italiani non è un “crimine contro l'umanità”; non c'è nessuno a linciare carabinieri e magistrati; non c'è nessun Flick a placare nessuna Zevi; non c'è nessun Mentana, nessun Mimun, a riempire telegiornali di filmati e di foto consunti a forza di mostrarli. Non si consumano certo così le foto dei cumuli di cadaveri nelle foibe di Basovizza e Monrupino, scattate dal presidente del Gruppo speleologico monfalconese, Giovanni Spangar, e da lui ingenuamente consegnate, il 4 novembre 1957 a Redipuglia, all'allora ministro della Difesa, Paolo Emilio Taviani. Il quale gliele aveva chieste, insieme ai negativi, promettendo che le salme sarebbero state recuperate: “Bisogna fare presto!”, aveva detto. Invece sono sempre là sotto, mentre lui, decrepito, si aggira ancora per il Senato. Per una volta, diciamo noi quello che ci ripetono a ogni Eichmann, a ogni Barbie, a ogni Priebke: “Non bisogna dimenticare”. Anche se non c'è un film-tv come Olocausto, né un film vero come La lista di Schindler per loro, onoriamo noi la memoria di Carlo e Renzo Micheletti, di nove e sei anni, squarciati con la madre Caterina e lo zio Alberto, entrambi di trentasette anni, su quell'ultima spiaggia. Proponiamo noi una medaglia d'oro - magari dopo averla strappata a Rosario Bentivegna - per il loro padre, marito, fratello: medico, operò fino a notte per salvare i feriti prima di piangere sui suoi morti. Non bisogna dimenticare. Giusto. Ogni volta che vediamo in TV quel bambino del ghetto di Varsavia, Polonia, con le mani alzate, col volto impaurito sotto un grosso berretto, un soldato tedesco alle spalle, immaginiamoci anche questi bambini di Pola, Italia: Alberto Brandis (tre anni), Luciana Berdini (cinque), Norina Dinelli (sei), Vitaliano Muggia (dieci), le sorelline Marina e Graziella Maresi (tre e cinque anni), Nadia Giurina (undici), Silvana Marchi (cinque), Carlo Succi (sei), Aurelio Ricato (dieci), le sorelline Gianna e Licia Rocco (cinque e otto anni), i fratelli Gianfranco e Lucio Roici (dodici e quindici anni), Maria Luisa Niccoli (dodici), Edmondo Zelesco (sei), Sergio Vivoda (otto), fratello di Lino, l'autore dell'Esodo da Pola (Ed. Nuova Litoeffe, Castelvetro, 1989), l'unico libro in circolazione a ricordare la strage. Non bisogna dimenticare. Giusto. Non dimentichiamo i morti delle Ardeatine, ma neanche i morti militari e civili di via Rasella. Non dimentichiamo i giustiziati di piazzale Loreto dell'agosto 1944, ma neanche gli appesi di piazzale Loreto dell'aprile 1945. Passiamo il Ferragosto come fosse il 2 novembre, del resto a Pola è già successo.

TUTTE LE FOIBE

Foiba di Basovizza e Monrupino -

Oggi monurnenti nazionali. Diverse centinaia sono gli infoibati in esse precipitati. Sul massacro di Basovizza il giornale "Libera Stampa" in data 1.08.1945 pubblicava un articolo dal titolo: "Il massacro di Basovizza confermato dal Cln giuliano. Piena luce sia fatta in nome della civiltà. Una dettagliata documentazione trasmessa alle autorità alleate della zona ed al Governo italiano".L'articolo riportava un documento sottoscritto da tutti i componenti del Cln e di quelli dell'Ente costitutivo autonomia giuliana, che così denunciava i crimini ac- caduti a Trieste tra fl 2 ed il 5 maggio: "Centinaia di cittadini vennero trasportati nel cosiddetto "Pozzo della Miniera" in località prossima a Basovizza e fatti precipitare nell'abisso profondo duecentoquaranta metri. Su questi disgraziati vennero in seguito lanciate le salme di circa centoventi soldati tedeschi uccisi nei combattimenti dei giorni precedenti e le carogne putrefatte di alcuni cavalli. Al fine di identificare le salme delle vittime e rendere possibile la loro sepoltura abbiamo chiesto consiglio agli esperti che hanno collaborato, a suo tempo, al recupero delle salme nelle Foibe istriane.L'attrezzatura a disposizione dei nostri esperti non è sufficiente data l'eccezionale profondità del pozzo, il numero delle salme e lo stato di putrefazione delle stesse ......Davanti alle accuse che vengono fatte da alcuni organi di stampa, di uccisioni indiscriminate, che avrebbero interessato anche esponenti antifascisti, il giornale "Primorski Dnevník" in data 5.08.1945, smentendo l'uccisione di patrioti italiani, ammette l'infoibamento di italiani a Basovizza e particolarmente di poliziotti e finanzieri.Cosi scrive: "... Questa nuova Jugoslavia del maresciallo Tito, che per il numero delle vittime, per la vittoria comune occupa senza dubbio il secondo posto ,dopo l'Unione sovietica e che è rispettata ed onorata dalla popolazione slovena, croata e italiana di questa regione, non è possibile che abbia oltre alla Guardia di frontiera fascista, ai poliziotti, gettato nelle Foibe anche i combattenti che hanno combattuto da fratelli per la nuova Jugoslavia e dieci soldati neozelandesi...."E, proseguendo,con la definizione cinica dell'alibi che ancora oggi alcuni storici sloveni e croati sottolineano, giunge a dire: "... sulla terra che ha sofferto per venticinque anni il terrore snazionaliz-zatore italo-fascista si è combattuto per anni contro i nazi-fascisti assieme ad onesti italiani ed antifascisti non è questa la prima e nemmeno l'unica grotta dove si polverizzano le ossa dei criminali italiani e tedeschi e di quelli che si sono opposti..."Tra i responsabili degli infoibamenti a Basovizza può essere indicata la Banda Zoll-Steffè che presso le carceri triestine dei Gesuiti imperversò sotto la denominazione della Guardia del popolo.

Foiba di Scadaicina-

sulla strada di Fiume.

Foiba di Podubbo -

Non è stato possibile, per difficoltà, il recupero. Il Piccolo del 5.12.1945 riferisce che coloro che si sono calati nella profondità di 190 metri, hanno individuato cinque corpi - tra cui quello di una donna completamente nuda - non identificabili a causa della decomposizione.

Foiba di Drenchia -

Secondo Diego De Castro vi sarebbero cadaveri di donne, ragazzi e partigiani dell'Osoppo.

Abisso di Semich -

" ... Un'ispezione del 1944 accertò che i partigiani di Tito, nel settembre precedente, avevano precipitato nell'abisso di Semich (presso Lanischie), profondo 190 metri, un centinaio di sventurati: soldati italiani e civili, uomini e donne, quasi tutti prima seviziati e ancor vivi. Impossibile sapere il numero di quelli che furono gettati a guerra finita, durante l'orrendo 1945 e dopo. Questa è stata una delle tante Foibe carsiche trovate adatte, con approvazione dei superiori, dai cosiddetti tribunali popolari, per consumare varie nefandezze. La Foiba ingoiò indistintamente chiunque avesse sentimenti italiani, avesse sostenuto cariche o fosse semplicemente oggetto di sospetti e di rancori. Per giorni e giorni la gente aveva sentito urla strazianti provenire dall'abisso, le grida dei rimasti in vita, sia perché trattenuti dagli spuntoni di roccia, sia perché resi folli dalla disperazione. Prolungavano l'atroce agonia con sollievo dell'acqua stillante. il prato conservò per mesi le impronte degli autocarri arrivati qua, grevi del loro carico umano, imbarcato senza ritorno..." (Testimonianza di Mons. Parentin - da La Voce Giuliana del 16.12.1980).

Foibe di Opicina, di Campagna e di Corgnale -

" ... Vennero infoibate circa duecento persone e tra queste figurano una donna ed un bambino, rei di essere moglie e figlio di un carabiniere..." (G. Holzer 1946).

Foibe di Sesana e Orle -

Nel 1946 sono stati recuperati corpi infoibati.

Foiba di Casserova-

Sulla strada di Fiume, tra Obrovo e Golazzo. Ci sono stati precipitati tedeschi, uomini e donne italiani, sloveni, molti ancora vivi, poi dopo aver gettato benzina e bombe a mano, l'imboccatura veniva fatta saltare. Difficilissirni i recuperi.

Abisso di Semez -

Il 7 maggio 1944 vengono individuati resti umani corrispondenti a ottanta - cento persone. Nel 1945 fu ancora "usato".

Foiba di Gropada -

Sono recuperate cinque salme."... Il 12 maggio 1945 furono fatte precipitare nel bosco di Gropada trentaquattro persone, previa svestizione e colpo di rivoltella "alla nuca". Tra le ultime: Dora Ciok, Rodolfo Zuliani, Alberto Marega, Angelo Bisazzi, Luigi Zerial e Domenico Mari..."

Foiba di Villa Orìzi -

Nel mese di maggio del 1945, gli abitanti del circondario videro lunghe file di prigionieri, alcuni dei quali recitavano il Padre Nostro,scortati da partigiani armati di mitra, essere condotte verso la voragine. Le testimonianze sono concordi nell'indicare in circa duecento i prigionieri eliminati.

Foiba di Cernovizza (Pisino) -

Secondo voci degli abitanti del circondario le vittime sarebbero un centinaio. L'imboccatura della Foiba, nell'autunno del 1945, è stata fatta franare.

Foiba di Obrovo (Fiume) -

E' luogo di sepoltura di tanti fiumani, deportati senza ritorno.

Foiba di Raspo -

Usata come luogo di genocidio di italiani sia nel 1943 che nel 1945. Imprecisato il numero delle vittirne.

Foiba di Brestovizza -

Così narra la vicenda di una infoibata il "Giornale di Trieste in data 14.08.1947. "... Gli assassini l'avevano brutalmente malmenata, spezzandole le braccia prima di scaraventarla viva nella Foiba. Per tre giorni, dicono i contadini, si sono sentite le urla della misera che giaceva ferita, in preda al terrore, sul fondo della grotta..".

Foiba di Zavni (Foresta di Tarnova) -

Luogo di martirio dei carabinieri di Gorizia e di altre centinaia di sloveni oppositori del regime di Tito.

Foiba di Gargaro o Podgomila (Gorizia) -

A due chilometri a nord-ovest di Gargaro, ad una curva sulla strada vi è la scorciatoia per la frazione di Bjstej. A una trentina di metri sulla destra della scorciatoia vi è una Foiba. Vi furono gettate circa ottanta persone.

Foiba di Vines -

Recuperate dal Maresciallo Harzarich dal 16.10.1943 al 25.10.1943 cinquantuno salme riconosciute. In questa Foiba, sul cui fondo scorre dell'acqua, gli assassinati dopo essere stati torturati, furono precipitati con una pietra legata con un filo di ferro alle mani. Furono poi lanciate delle bombe a mano nell'interno. Unico superstite, Antonio Radeticchio, ha raccontato il fatto.

Cava di Bauxite di Gallignana -

Recuperate dal 31 novembre 1943 all'8 dicembre 1943 ventitre salme di cui sei riconosciute.

Foiba di Terli -

Recuperate nel novembre del 1943 ventiquattro salme, riconosciute.

Foiba di Treghelizza -

Recuperate nel novembre del 1943 due salme, riconosciute.

Foiba di Pucicchi -

Recuperate nel novembre del 1943 undici salme di cui quattro riconosciute.

Foiba di Surani -

Recuperate nel novembre del 1943 ventisei salme di cui ventuno riconosciute.

Foiba di Cregli -

Recuperate nel dicembre del 1943 otto salme, riconosciute.

Foiba di Cernizza -

Recuperate nel dicembre del 1943 due salme, riconosciute.

Foiba di Vescovado -

Scoperte sei salme di cui una identificata.

Altre foibe da cui non fu possibile eseguire recupero nel periodo 1943 - 1945:

Semi

Jurani

Gimino

Barbana

Abisso Bertarelli

Rozzo

Iadruichi.

Foiba di Cocevie a 70 chilometri a sud-ovest da Lubiana

Foiba di San Salvaro.

Foiba Bertarelli (Pinguente) - Qui gli abitanti vedevano ogni sera passare colonne di prigionieri ma non ne vedevano mai il ritorno.

Foiba di Gropada.

Foiba di San Lorenzo di Basovizza.

Foiba di Odolina - Vicino Bacia, sulla strada per Matteria, nel fondo dei Marenzi.

Foiba di Beca - Nei pressi di Cosina.

Foibe di Castelnuovo d'Istria - "Sono state poi riadoperate - continua il rapporto del Cln - le foibe istriane, già usate nell'ottobre del 1943".

Cava di bauxite di Lindaro

Foiba di Sepec (Rozzo)

Capodistria - Le Foibe -

La Foiba doveva essere la sua tomba

La Foiba doveva essere la sua tomba

Riuscì a sopravvivere Giovanni Radeticchio di Sisano.

Ecco il suo agghiacciante racconto:

"... addi 2 maggio 1945, Giulio Premate accompagnato da altri quattro armati

venne a prelevarmi a casa mia con un camioncino sul quale erano già i tre fratelli Alessandro, Francesco e Giuseppe Frezza nonché Giuseppe Benci. Giungemmo stanchi ed affamati a Pozzo littorio dove ci aspettava una mostruosa accoglienza; piegati e con la testa all'ingiù fecero correre contro il muro Borsi, Cossi e Ferrarin.

Caduti a terra dallo stordimento vennero presi a calci in tutte le parti del corpo finché rinvennero e poi ripetevano il macabro spettacolo. Chiamati dalla prigionia al comando, venivano picchiati da ragazzi armati di pezzi di legno. Alla sera, prima di proseguire per Fianona, dopo trenta ore di digiuno, ci diedero un piatto di minestra con pasta nera non condita. Anche questo tratto di strada a piedi e per giunta legati col filo di ferro ai polsi due a due, così stretti da farci gonfiare le mani ed urlare dai dolori. Non ci picchiavano perché era buio. Ad un certo momento della notte vennero a prelevarci uno ad uno per portarci nella camera della torture. Era l'ultimo ad essere martoriato: udivo i colpi che davano ai miei compagni di sventura e le urla di strazio di questi ultimi. Venne il mio turno: mi spogliarono, rinforzarono la legatura ai polsi e poi, giù botte da orbi. Cinque manigoldi contro di me, inerrne e legato, fra questi una femmina. Uno mi dava pedate, un secondo mi picchiava col filo di ferro attorcigliato, un terzo con un pezzo di legno, un quarto con pugni, la femmina mi picchiava con una cinghia di cuoio. Prima dell'alba mi legarono con le mani dietro la schiena ed in fila indiana, assieme a Carlo Radolovich di Marzana, Natale Mazzucca da Pinesi (Marzana), Felice Cossi da Sisano, Graziano Udovisi da Pola, Giuseppe Sabatti da Visinada, mi condussero fino all'imboccatura della Foiba. Per strada ci picchiavano col calcio e colla canna del moschetto. Arrivati al posto del supplizio ci levarono quanto loro sembrava ancora utile. A me levarono le calze (le scarpe me le avevano già prese un paio di giorni prima), il fazzoletto da naso e la cinghia dei pantaloni. Mi appesero un grosso sasso, del peso di circa dieci chilogrammi, per mezzo di filo di ferro ai polsi già legati con altro filo di ferro e mi costrinsero ad andare da solo dietro Udovisi, già sceso nella Foiba. Dopo qualche istante mi spararono qualche colpo di moschetto. Dio volle che colpissero il filo di ferro che fece cadere il sasso. Così caddi illeso nell'acqua della Foiba.

Nuotando, con le mani legate dietro la schiena, ho potuto arenarmi. Intanto continuavano a cadere gli altri miei compagni e dietro ad ognuno sparavano colpi di mitra.

Dopo l'ultima vittima, gettarono una bomba a mano per finirci tutti.

Costernato dal dolore non reggevo più. Sono riuscito a rompere il filo di ferro che mi serrava i polsi, straziando contemporaneamente le mie carni, poiché i polsi cedettero prima del filo di ferro. Rimasi così nella Foiba per un paio di ore. Poi, col favore della notte, uscii da quella che doveva essere la mia tomba..."

CONTINUIAMO A DARE LA CACCIA AGLI EX NAZISTI!

    Tratto da un articolo pubblicato su IL SECOLO D'ITALIA del 4 giugno 1994
Un “flash” di agenzia del 27 maggio: il governo italiano ha chiesto alle autorità argentine “di disporre le necessarie misure” per evitare “una possibile fuga” dell'ex capitano nazista Erich Priebke che dal 9 maggio scorso è agli arresti domiciliari nella località andina di Bariloche, a circa 1.450 chilometri a sud-ovest di Buenos Aires.
    Bene fa il nostro governo nel cercare di assicurare alla giustizia questo criminale di guerra nazista, ma sarebbe ancora meglio se identica solerzia fosse dimostrata anche nella ricerca di altri criminali (quelli che agivano con la stella rossa sulla bustina, tanto per intenderci) dei quali si conoscono, da sempre, fatti, misfatti, nomi e luoghi di residenza.
    Pensiamo alle foibe, voragini disseminate in tutta la Venezia Giulia e nell'Istria. Molte sono ancora inesplorate. Furono usate dai croati e dagli sloveni, dal 1943 in poi, quali enormi fosse comuni per eliminare migliaia di persone colpevoli solo di essere italiane. L'infoibamento era l'ultima fase della tortura: le salme avevano i polsi legati con filo di ferro stretto con le pinze fino a spezzare il polso.
    Molti cadaveri furono esumati in coppia, legati con filo di ferro agli avambracci; e solo uno dei due presentava colpi di arma da fuoco, l'altro precipitava vivo. Con calci e bastonate erano portati sull'orlo della foiba.
    Ma, come ha scritto Luciano Luciani segretario del Circolo Giuliano Dalmata di Milano, non c'erano solo le foibe. In Dalmazia c'era il mare. Centinaia di vittime furono gettate in mare con una pietra al collo. Tra queste la famiglia del farmacista Pietro Ticina, di Zara: l'intera famiglia composta dai genitori, dalla suocera e da una bambina subirono questa triste sorte. Con disperata energia il padre riuscì a trascinare con sé uno dei feroci aguzzini.
    Ancora: il 30 settembre 1944 l'industriale Nicolò Luxardo di Zara e sua moglie Bianca Ronzoni, che s'erano rifugiati sull'Isola Lunga, catturati dai croati, furono gettati anch'essi in mare con un sasso al collo. Ci furono anche lapidazioni, impiccagioni, fucilazioni. Giuseppe Cernecca, di Sanvincenti, fu costretto a portare sul luogo dell'esecuzione un sacco di pietre con le quali venne lapidato. Altri due suoi fratelli vennero affogati nel mare di Santa Marina.
    Cosa hanno fatto i vari governi, nei cinquant'anni della prima Repubblica, per assicurare alla giustizia coloro che si macchiarono di questi efferati delitti? Quanti magistrati hanno compulsato presso l'archivio storico del ministero degli Affari Esteri le buste di documenti relativi ad “atrocità ed illegalità” commesse dagli jugoslavi contro gli italiani nel periodo che va dal 1941 al 1945?
    Dal 24 al 28 luglio 1990 su “La voce del Popolo” di Fiume, quotidiano della minoranza etnica italiana in Jugoslavia, apparvero le tre puntate di un'intervista straordinaria e coraggiosa di tale Laura Marchig con Oskar Piskulìc-Zuti il cui nome oggi in Italia, e forse in buona parte della vecchia Jugoslavia, non dice nulla a nessuno.
    Per gli esuli di Fiume -ha scritto Amleto Ballarini su “Il Secolo” del 28 giugno 1992, per quanti là, volenti o nolenti, rimasero, per gli stessi slavi del Golfo del Carnaro, quel nome s'associa, con un doloroso riflesso condizionato dell'anima, all'idea delle foibe. Come dire nel Biellese, tanto per intenderci, di Moranino Francesco detto Gemisto. Laura Marchig introduceva la sua intervista con una premessa che per esser stata pubblicata a Fiume (Rijeka) assume il valore d'un documento eloquente nella sua sinteticità come il referto di un'autopsia:
    “Oskar Piskulìc, il famoso Zuti, nato a Fiume nel 1920, eroe della Guerra Popolare di Liberazione, attivista di spicco del movimento comunista, iscritto al Partito dal 1941, entrato subito nella resistenza, sia durante la guerra che dopo, svolgerà sempre funzioni di polizia. Al termine del conflitto diviene uno dei capi dell'Ozna, la polizia segreta che più tardi prenderà il nome di Udba. E questo è tutto quello che c'è da sapere su Oskar Piskulìc... Speravamo, facendogli un'intervista, di avere dei chiarimenti sia sulla sua attività di quegli anni sia su alcuni fatti della storia rimasti oscuri.
    Avremmo voluto conoscere la storia di intere famiglie fiumane, viste per l'ultima volta ammassate per le piazze di Fiume e dopo scomparse per sempre, o quella di tanti ufficiali e sottufficiali dell'esercito italiano segregati nelle carceri di via Roma e dopo spariti. Ci premeva di avere chiarificazioni sulle uccisioni degli autonomisti fiumani avvenute fra il 3 e il 4 maggio del 1945, subito dopo l'arrivo delle brigate partigiane in città. E, soprattutto, avremmo voluto sapere il perchè di queste frettolose esecuzioni sommarie, ma anche assassinii, compiuti casa per casa. Com'è morto, ad esempio, il Dott. Mario Blasich, autonomista che da anni giaceva paralizzato in un letto? La moglie raccontò che furono in due. Bussarono alla porta e chiesero. - Xe in casa el dotor? - Li fece accomodare. Dopo un po' se ne andarono. Trovò il marito strangolato nel suo letto.
    Come morirono altri cittadini fiumani che avevano sperato nella creazione di una Città Stato non soggetta al potere di alcun Paese? Cosa si nasconde dietro l'uccisione di Giuseppe Sincich, giustiziato a colpi di pistola? Dietro a quella del dott. Nevio Skull, padrone della fonderia Skull, la cui storia rimane in verità ancora più misteriosa? E il senatore Bacci e il senatore Riccardo Gigante? Cosa ne è stato di tutti gli altri i cui nomi appaiono come chiazze nere sul vermiglio di una bandiera? "Tante cose avremmo voluto sapere, ma confessiamolo, non ne abbiamo cavato un ragno dal buco.
 Lo stesso Oskar Piskulìc ci ha confidato di essere legato da un giuramento che è comune a tutti i membri della polizia segreta: quello di non rivelare mai, in vita, nemmeno per iscritto, nemmeno tramite memorie depositate, quello che sa".
    Oltre ai senatori del Regno Icilio Bacci (arrestato il 21 maggio 1945) e Riccardo Gigante (arrestato il 4 maggio 1945), alla memoria dei quali il Senato della Repubblica non ha dedicato alcun ricordo, furono arrestati e uccisi a Fiume, a guerra finita, per volontà del Piskulìc (che continua a vivere tranquillamente a Fiume) Carlo Colussi (già podestà di Fiume) e sua moglie Nerina Copetti in Colussi; Rodolfo Moncilli; Mario Blasich; Angelo Adam, sua moglie Ernesta Stefancich e sua figlia Zulema Adam; Nicolò Cattaro panettiere di Abbazia; Lucia Vendramin; Giuseppe Sincich; Nevio Skull; il prof. Gino Sirola (ultimo podestà di Fiume dopo l'8 settembre 1943 e riconfermato il 9 febbraio 1944), che, arrestato dai “titini” a Trieste il 3 maggio 1945, fu riportato a Fiume nella villa Rippa trasformata in carcere e luogo di torture) e poi scomparve; Margherita Sennis e sua figlia Gigliola; Angela Neugebaucr, crocerossina più volte decorata e tanti, tanti altri.
    Insieme a Oskar Piskulìc (detto Zuti) e a sua moglie (una certa Marghitic) operarono a Fiume contro gli italiani: Jovo Mlademe, Vicko Lorkovic Minack, Milan Cohar, Norino Nalato e Giuseppe (detto Bruno) Domancich.

     I fatti delittuosi commessi da costoro non possono essere definiti “crimini di guerra” (perché la guerra era ormai finita) ma veri e propri “crimini contro l'umanità”, imprescrittibili nel tempo.
    

   
La nostra solerte Amministrazione cosa ha fatto per assicurare alla giustizia questi criminali? Sono state avviate domande di estradizione? Si è iniziato un procedimento penale a loro carico? Oppure non si è fatto nulla (omettendo atti d'ufficio), perché ci sono ancora i morti buoni e quelli cattivi, quelli, per capirci, che essendo stati uccisi (e i loro corpi gettati chissà dove) per il solo fatto di essere italiani non destano interesse alla giustizia degli uomini, perché rappresentano i vinti? E i vinti hanno sempre torto.


CONTINUIAMO A DARE LA CACCIA AGLI EX NAZISTI E LASCIAMO IMPUNITI I CRIMINI DEI PARTIGIANI E DEI COMUNISTI!



Causa di morte nelle Foibe

(Studio medico-legale eseguito su centoventuno infoibati, recuperati nel dopoguerra R. Nicolini e U. Villasanta, sotto l'egida dell'Istituto di medicina legale e delle Assicurazioni dell'Università di Pisa. Direttore F. Domenici)

"... La causa mortis può essere stata:

1. proiettili d'arma da fuoco, di solito sparati al cranio;

2. precipitazione dall'alto con gli effetti che ne derivano: fratture multiple, commozione, shock traumatico grave, embolia, ecc.

3. trauma da corpo contundente (bastone, calcio di fucile, bottiglie, ecc.) o acuminato con conseguente fratture;

4. questi diversi momenti variamente combinati, sia come cause sovrapposte, sia come concorrenti.

L'effetto, cioè la morte, non deve essere stato necessariamente immediato: è ammissibile anche che, nonostante ferite e traumi, la morte sia avvenuta a distanza di tempo o per sete o per fame "

Tutto questo orrore, i partigiani , lo fecero con il silenzio e la collaborazione dei comunisti italiani (quelli che vedete onorare nei libri di storia -scritti da altri comunisti- e sfilare il 25 aprile). Oggi 6500 di questi assassini non solo vivono liberi in Slovenia e Croazia, ma addirittura percepiscono pensioni italiane (circa £ 650.000 mensili)

Lo Stato italiano paga questi assassini fregandosene degli italiani onesti e bisognosi!
CRONOLOGIA

10.6.1944 - Sei giorni dopo l'occupazione di Roma, il Governo italiano indirizza alle autorità alleate un memorandum sostenendo la necessità di inviare unità navali nei porti di Trieste, Fiume, Zara e forze armate nei principali centri della Venezia Giulia utilizzando anche reparti italiani in collaborazione con quelli anglo-americani.

Giugno 1944 - A Bolsena, tra il maresciallo Alexander e Tito si conviene l’attestamento delle forze jugoslave ad oriente di una linea, che, senza pregiudizi per i confini futuri, da Fiume va direttamente a Nord.

15.08.1944 - Il sottosegretario agli Esteri Visconti Venosta rinnova all’ammiraglio Stone, capo della Commissione alleata di controllo in Italia, le richieste avanzate con il Memorandum del 10 giugno.

11.9.1944 - L'ammiraglio Stone risponde affermando che il “Comando supremo dia, presentemente, l'intenzione di mantenere sotto il Governo militare alleato le provincie di Bolzano, Trento, Fiume, Pola, Trieste e Gorizia al momento della liberazione dell’Italia settentrionale”.

14.9.1944 - L'on. Bonomi, per il Governo italiano, replica ribadendo le richieste italiane.

22.9.1944 –L'ammiraglio Stone assicura Bonomi che le richieste sono state portate a conoscenza dei Comando supremo alleato.

Febbraio 1945 - Belgrado. Secondo incontro fra il maresciallo Tito e Alexander: riconferma della linea di attestamento da Fiume direttamente a Nord convenuta a Bolsena.

Marzo 1945 - il ministro degli Esteri De Gasperi inizia una azione diplomatica a Washington per ottenere l'occupazione alleata di tutta la Venezia Giulia.

22.4.1945 - Truppe jugoslave occupano Brioni e le isole adiacenti; il VII Corpo jugoslavo marcia su Trieste ed il IX Corpo su Monfalcone.

1.5.1945 - Elementi del IX Corpo e partigiani fanno la loro apparizione nelle zone periferiche di Trieste.

2.5.1945 - Trieste: resa dei tedeschi alle forze neozelandesi. Il Comando jugoslavo occupa la città e ne assume l'amministrazione.

5.5.1945 - Trieste risponde all'occupazione jugoslava con una manifestazione di popolo e cinque cittadini rimangono uccisi nel conflitto con gli slavi.

8.5.1945 - Duro promemoria di Alexader a Tito.

9.6.1945 - Belgrado. Tito, pur protestando, firma un accordo con il generale Morgan: il territorio ad occidente della linea Trieste - Caporetto - Tarvisio e gli ancoraggi di Pola e della costa occidentale dell'Istria sono posti sotto controllo diretto degli Alleati.

12.6.1945 - Le truppe jugoslave lasciano Trieste.

22.8.1945 - Il presidente del Consiglio Parri, rendendosi conto che rettifiche sulla frontiera orientale sarebbero state inevitabili e che è impossibile intavolare negoziati diretti con la Jugoslavia, avverte il presidente Truman che una pace ingiusta avrebbe deleterie conseguenze sulla vita politica italiana.

1.9.1945 - Londra. Conferenza dei ministri degli esteri delle potenze alleate. Byrnes propone che l'Italia e la Jugoslavia vengano ad esporre il rispettivo punto di vista sulla questione del confine orientale.

18.9.1945 - Per la Jugoslavia parla Kardelj il quale sostiene che "tutta la Venezia Giulia si riconnette ai Balcani"; che economicamente Trieste "è indispensabile alla Jugoslavia"; che politicamente e moralmente la Yugoslavia "non può permettere che gli italiani si servano di Trieste come di una testa di ponte per minare l'unità dello Stato Jugoslavo e penetrare nei Balcani". De Gasperi risponde consegnando un memorandum che, sulla base delle proposte fatte il 22 agosto, caldeggia un accordo secondo la linea Wilson del 1919 che, sino al 1940, rappresentava il massimo delle aspirazioni jugoslave.

19.9.1945 - Il Consiglio dei ministri degli affari esteri dei Quattro nomina una Commissione di esperti per accertare sul posto i dati etnici ed economici di quelle zone.

24.9.1945 - La delegazione degli Usa, in linea di principio, accetta la proposta di prendere come base di trattativa la linea Wilson. Propone che la frontiera con la Jugoslavia segua l'andamento degli insediamenti etnici, con i necessari adattamenti per preservare l'economia della regione e dando Trieste, trasformata in porto franco, all'Italia.

9.3/5.4.1946 - Gli esperti si intrattengono nella Venezia Giulia. Ciascuna delle quattro delegazioni che compongono la Commissione presenta una propria relazione. Tutte sono identiche nella sostanza, ma propongono quattro diverse linee di frontiera, delle quali la francese dalle porte di Trieste voltava subito a Ovest sottraendo all'Italia tutta l'Istria, aggregando a Trieste il tratto di costa a Sud della città fino a Cittanova. Da questo progetto nascerà l'idea del Territorio libero di Trieste.

Aprile 1946 - Consegna della relazione finale degli esperti che, a parte le discordanti soluzioni per il tracciato del confine, riconosce l'esattezza di quanto sostenuto dall'Italia: nei distretti di Tarvisio, Gorizia, Basso Isonzo, Trieste e nell'Istria occidentale e meridionale la maggioranza etnica è italiana.

26.4.1946 - Kardelj dichiara di non poter accettare alcuna delle proposte degli esperti e mantiene le richieste presentate a Londra nel settembre del 1945.

3.5.1946 - De Gasperi sottolinea il valore del riconoscimento della tesi etnica sostenuta dall’Italia, specie perché gli esperti non hanno accolto l'invito dei Governo italiano “perché l'inchiesta fosse estesa a tutta la zona contestata ed in particolare alle regioni popolate in modo preponderante da italiani”. Molotov, di fronte all'opposizione anglo-americana di abbandonare Trieste alla Jugoslavia, propone alternativamente: a) trasformare Trieste in stato autonomo sotto la sovranità jugoslava con statuto internazionale, b) creare uno stato autonomo con due governatori uno italiano e uno jugoslavo. Da qui il compromesso disastroso per l’Italia. I Quattro abbandonano il principio del confine su basi etniche e adottano la linea di confine francese ma sottraendo all'Italia il territorio che avrebbe costituito il Territorio libero di Trieste.

3.7.1946 - Questa decisione è definitivamente adottata dai Quattro, malgrado ogni protesta sia dell'Italia che della Jugoslavia.

10.8.1946 - De Gasperi, ministro degli Esteri, dice: "La linea francese era già una linea etnica nel senso indicato dalle decisioni di Londra… ma, per quanto inaccettabile, era comunque una frontiera italo-jugoslava che attribuiva Trieste all'Italia. Che cosa è avvenuto sul tavolo dei compromessi durante il mese di giugno perché, il 3 luglio, il Consiglio dei Quattro facesse tabula rasa della decisioni di Londra e facesse della linea francese non la frontiera tra l’Italia e la Jugoslavia bensì la frontiera tra il cosiddetto “Territorio libero di Trieste”, dotato di uno speciale Statuto internazionale e la Jugoslavia?”

20.8.1946 - La delegazione italiana consegna al segretario della Conferenza di pace una memoria in cui, fra l'altro, si propone di estendere il Territorio libero di Trieste fino a Pola e Brioni, smilitarizzando queste città in modo da restituire all’Italia i cinquantamila italiani della costa istriana e di includere nel Territorio libero di Trieste l'isola di Lussino. Tali proposte non sono accolte.

Sett. 1946 - La delegazione italiana alla Conferenza di pace tenta, a più riprese, di far riprendere in considerazione come frontiera fra l'Italia e la Jugoslavia la linea etnica e propone 4’una libera consultazione delle volontà delle popolazioni interessate" secondo i principali della Carta atlantica. Inutilmente.

28.9.1946 - La Commissione politica territoriale della Conferenza di pace approva la linea francese.

3.11.1946 – Il governo italiano si appella ai Quattro perché “si proceda alla delimitazione della frontiera orientale secondo il criterio della linea etnica… e si ricorra al plebiscito nelle zone in contestazione… Il Governo italiano rivendica lo stesso principio nell'eventualità che venga creato il Territorio libero di Trieste perché le sue frontiere si estendano almeno sino alla zona indiscutibilmente italiana di Parenzo e di Pola".

4/5.11.1946 - Incontro Togliatti-Tito per un'intesa fra l’Italia e la Jugoslavia: baratto di Trieste con Gorizia; concessione all’Italia di un corridoio verso Trieste.

28.11.1946 - i Quattro, raggiunto l'accordo sulle frontiere del futuro Territorio libero di Trieste, autorizzano la Jugoslavia a mantenere cinquemila uomini armati nella Zona B.

10.2.1947 - Firma del Trattato di pace. Sforza, ministro degli Esteri, in una nota di protesta per il trattamento impostoci, manifesta il proposito di chiedere la revisione del Trattato. La Jugoslavia dichiara di non rinunciare ai “propri diritti” su tutta la Venezia Giulia e progetta di rioccupare Trieste, il presidente Truman ordina l'invio di rinforzi militari. In base al Trattato di pace, la Jugoslavia amministra la Zona B a “titolo temporaneo” e deve limitarsi alla normale amministrazione con assoluta imparzialità tra i gruppi etnici. La Jugoslavia applica invece tutti i possibili mezzi per cancellare ogni aspetto italiano nella zona.

1947 - Il Consiglio di sicurezza dell’ONU, cui spetta la nomina del Governatore di Trieste, condizione per la creazione del Territorio libero di Trieste, non riesce ad accordarsi. La Francia suggerisce che l’Italia e la Jugoslavia si ,accordino fra loro: nessuna delle due parti si dichiara consenziente sui candidati proposti dall’altra.

Il problema torna al Consiglio di sicurezza che se ne occupa, senza risultati, tra la fine del 1947 e la primavera del 1948.

20.3.1948 - Constatata l'impossibilità di pervenire alla nomina di un Governatore e valutata l'azione snazionalizzatrice svolta dalla Jugoslavia nella Zona B, le potenze occidentali emettono la Dichiarazione tripartita per cui Stati Uniti, Regno Unito e Francia invitano il Governo sovietico e quello italiano ad accordarsi "in vista di un protocollo addizione al Trattato di Pace con l’Italia per ricondurre sotto sovranità italiana l'intero Territorio libero di Trieste".

9.4.1948 - Il Governo italiano accetta la dichiarazione tripartita.

16.4.1948 - Il Governo jugoslavo respinge la proposta. La Russia manifesta un netto rifiuto.

4.5.1948 - Bevin, ministro degli Esteri di Gran Bretagna, dichiara ai Comuni che “Trieste dovrebbe essere restituita all’Italia” e che “se il Territorio libero, che è territorio italiano, fosse restituito all’Italia con la popolazione italiana che vi risiede esso rappresenterebbe una buona frontiera…”

28.6.1948 - Il Cominform scomunica il Partito comunista jugoslavo.

21.2.1949 - All'Onu, Austin, delegato americano, dichiara al Consiglio di sicurezza che l'art. 2 dello Statuto del Territorio libero di Trieste costituisce una pietra miliare per la salvaguardia dei diritti dell'uomo “violati dal governo poliziesco operante in Zona B”.

Il delegato inglese conferma che “una forma di governo poliziesco è stata estesa dalla Jugoslavia alla zona che essa deve amministrare, con tutte le caratteristiche di un governo totalitario. Ciò rende impossibile l'unificazione di questa zona con la zona anglo-americana in vista della formazione di un territorio indipendente e democratico secondo le linee previste dal Trattato di pace. In questa condizione l'istituzione di un territorio indipendente significherebbe la creazione di una zona aperta alle aggressioni dirette, secondo i metodi così spesso messi in pratica nell'Europa orientale”.

       Luglio 1949 - La Jugoslavia, introducendo il "dinaro" nella Zona B come unica moneta, conferma di voler dar vita ad un atto unilaterale di annessione.

       11.2.1950 - Roma. Colloqui del conte Sforza con il ministro Ivekovic che propone quale base per la soluzione del problema del Territorio libero di Trieste l'accordo Tito-Togliatti del novembre 1946. Sforza rifiuta.

8.4.1950 - Milano. Sforza muove caute avances accolte freddamente dalla Jugoslavia.

28.4.1950 - Tito, in una intervista, risponde a Sforza che sulla base delle “avances” non è possibile “iniziare trattative” che, al caso, vanno sviluppate sulla base dell'accordo con Togliatti.

1.5.1950 - Sforza ribatte la necessità di un accordo fra Italia e Jugoslavia. Colloqui esplorativi con il rappresentante di Belgrado a Roma. Ottiene un rifiuto. Il ministro degli Esteri jugoslavo, in due successivi discorsi, afferma che l'Italia vuole creare un'atmosfera di minacce e di pressioni.

23.12.1950         - Stipula dell'accordo economico bilaterale con la Jugoslavia per la sistemazione delle pendenze finanziarie derivanti dal Trattato di pace. Tito, all'Ansa, dichiara che Trieste non è “una grossa questione” ma che, per risolverla, occorre stabilire “una frontiera ben chiara ed accettata da ambo le parti”.

13/14-3-1951 - Londra. Incontro del ministro degli Esteri italiano con il Premier inglese: vi si esprime “l’ansia di raggiungere un accordo amichevole con il governo jugoslavo” sulla questione del Territorio libero di Trieste.

11.7.1951 - De Gasperi, al Senato, conferma la volontà dell'Italia di riottenere in un'atmosfera di amicizia con la Jugoslavia.

13.7.1951 - Tito, commentando il dibattito al Senato, accusa il Governo italiano di coltivare “piani di reazione fascista”.

28.9.1951 - Kardelj dichiara all'Assemblea jugoslava che fra le contrapposte tesi, bisogna trovarne una terza, ma non precisa quale.

Febbraio 1952 - Tito si dichiara favorevole alla creazione del Territorio libero di Trieste, con un Governatore alternativamente italiano e jugoslavo e con un vice governatore dell'altra Nazione.

De Gasperi risponde che “questo progetto condurrebbe alla esasperazione dei contrasti interni tra i due gruppi e ad una continua lotta imperniata su tali contrasti il che avrebbe come conseguenza di rendere acuti e permanenti i contrasti tra i due Paesi confinanti”.

17.3.1952 - Nota verbale del governo italiano a quelli della Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti: denuncia delle misure prese da Belgrado nella Zona B in violazione del Trattato di pace.

20.3.1952 - Quarto anniversario della Dichiarazione tripartita. Incidenti con morti e feriti a Trieste in un conflitto fra cittadini e forze di polizia.

Il Governo italiano promuove una energica azione per ottenere un sostanziale miglioramento nell'amministrazione della Zona A.

9.5.1952 - Londra. Firma dell'accordo tra Stati Uniti, Gran Bretagna, Italia che consente una più larga partecipazione italiana nell'amministrazione della zona. Mosca protesta. Belgrado adotta ulteriori misure poliziesche nella Zona B peggiorando ancora la situazione degli italiani colà residenti.

8.8.1952 - Nota verbale del Governo italiano a quelli della Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, essendo stati introdotti nella Zona B di Trieste leggi e provvedimenti jugoslavi con un blocco di tredici ordinanze.

30.10.1952 - L'Italia propone alla Jugoslavia di sottoporre al giudizio della Corte internazionale dell’Aja la legittimità dei provvedimenti estesi alla Zona B. Belgrado, affermando che la questione è politica e non giuridica, si sottrae al giudizio della Corte internazionale dell'Aja.

19.8.1953 - Pella, presidente del Consiglio dei ministri, nella dichiarazione programmatica al Parlamento riafferma una “determinazione altrettanto ferma nella difesa degli interessi nazionali”.

28.8.1953 - L'Agenzia Jugo-press considera le dichiarazioni di Pella una dimostrazione che l'atteggiamento conciliante e indulgente della Jugoslavia di fronte alla presa di posizione non costrittiva di Roma non può condurre ad una soluzione del problema di Trieste".

L'Agenzia United-Press riporta: “Nessuna notizia è fin qui pervenuta.. circa il proponimento del Governo jugoslavo di procedere all’annessione della Zona B. Se la Jugoslavia compisse effettivamente un simile gesto, inconsulto e irresponsabile, la reazione italiana sarebbe senza dubbio quella che la coscienza del suo popolo esigerebbe”.

30.8.1953 - La Tanjug ritiene provocatorie le notizie e i commenti della stampa circa la intenzione jugoslava di annettere la Zona B del Territorio libero di Trieste.

1.9.1953 - Nota di protesta jugoslava per il movimento di truppe italiane alla frontiera. Il Governo italiano nello stesso giorno risponde di essere stato costretto a prendere tali misure “di carattere precauzionale protettivo”.

4.9.1953 - La delegazione jugoslava a Roma respinge la risposta italiana aggiungendo: “grazie unicamente alla estrema pazienza del Governo jugoslavo non è stato dato fino a questo momento l'ordine per contromisure corrispondenti”.

6.9.1953 - Discorso aggressivo di Tito a San Basso per cristallizzare a proprio favore la situazione della Zona B: “devo dire... a tutti che la questione triestina è stata portata in un vicolo cieco. Riconoscendo la necessità di liquidare questo problema, credo che l'unico modo di risolverlo sarebbe quello di fare di Trieste una città internazionale e che il retroterra venga annesso alla Jugoslavia”.

Roma, notte. Nota ufficiosa che tra l’altro rileva: “nella sua megalomania egli (Tito) indica ora una sola soluzione da prendere o lasciare: l'annessione pura e semplice alla Jugoslavia dell'intero Territorio... tutto ciò appare talmente incredibile che viene naturale domandarsi quali siano i veri intendimenti del dittatore jugoslavo”.

13.9.1953 - Pella, presidente del Consiglio, dal Campidoglio, ripropone il plebiscito su tutto il Territorio libero di Trieste e la convocazione di una conferenza a cinque. Rivolgendosi agli Stati Uniti ed alla Gran Bretagna dice: “È dunque tempo che essi riconoscano l'anacronismo della loro attuale posizione” sia nel Territorio libero di Trieste che nei confronti dell'Italia.

La proposta Pella è portata a conoscenza di Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti e del Governo jugoslavo.

2.10.1953 - Pella alla Associated press: “prima della ratifica del trattato a sei per l'esercito  europeo, deve essere equamente risolta la questione di Trieste”.

6.10.1953 - Pella alla Camera: "La ratifica del trattato della Ced da parte del Parlamento italiano sarà molto facilitato da una previa soluzione del problema di Trieste".

8.10.1953 - Gli ambasciatori degli Usa e della Gran Bretagna comunicano che i rispettivi governi hanno deciso: “tenuto conto del preminente carattere italiano della Zona A, di rimettere l’amministrazione di quella zona al Governo italiano".

9.10.1953 - Pella alla Camera: "la comunicazione fatta dai governi americano e britannico… non pregiudica in alcun modo i riconosciuti diritti dell’Italia sull'insieme del territorio, né pregiudica la facoltà del Governo italiano di farli valere e di perseguirne la realizzazione nelle forme più idonee… Posso dichiarare nel modo più formale che il fatto dell'accettazione di amministrare la Zona A non implica alcun abbandono delle rivendicazioni relative alla Zona B da parte italiana".

5.10.1954 - Londra. Brosio per l'Italia, Thompson per gli Usa, Harrison per l'Inghilterra, Velebit per la Jugoslavia, siglano il Memorandum d'intesa.

4.11.1954 - L'Italia riassume la diretta amministrazione della Zona A e la Jugoslavia assume quella della Zona B, Su ambedue le zone permane incontestabilmente la sovranità italiana.

25.9.1956 - Belgrado. Riunione della Commissione mista italo-jugoslava per definire gli aspetti economici derivanti dal Memorandum di Londra e per il libero trasferimento delle persone già residenti nelle Zone A e B.

1958 - Nuova crisi fra paesi comunisti e Jugoslavia.

1958-1959 - Intensificazione dei rapporti economici fra Italia e Jugoslavia ma non di quelli politici.

4.12.1960 - Popovich, ministro degli Esteri jugoslavo, a Roma. Il comunicato: “È stata riaffermata da ambo le parti la precisa volontà, nell'interesse dei due Paesi, di far quanto possibile per sviluppare i rapporti di buon vicinato”.

1.7.1961 - Segni, ministro degli Esteri a Belgrado, sue dichiarazioni: "Siamo riusciti a compiere ulteriori notevoli progressi sulla via intrapresa in questi ultimi tempi nella reciproca comprensione e collaborazione… evidentemente ognuno dei due Paesi, per circostanze comprensibili, segue metodi diversi… In vari punti abbiamo rilevato che i due governi sono ispirati da preoccupazioni e da intendimenti analoghi… Questo compito richiede, naturalmente, una chiara, meditata e realistica valutazione delle proprie possibilità e una graduale e costante opera di realizzazione".

1962-1963 - Stasi nei rapporti italo-jugoslavi.

Marzo 1964 - Invito a Moro di recarsi a Belgrado.

3.3.1965 - Il “Combat” di Parigi annuncia negoziati fra Roma e Belgrado e parla di Zona B definitivamente assegnata alla Jugoslavia. La Farnesina smentisce.

8/12.11.1965 - Moro, presidente del Consiglio, a Belgrado. Dai colloqui sarebbero escluse le questioni strettamente territoriali.

10/16.12.1965 - Riunione a Belgrado del Comitato misto per le minoranze.

24/25.5.1966 - Zagabria. Riunione dei Comitato misto per le minoranze.

Gennaio '67 - Trattato commerciale con la Jugoslavia. Rottura delle trattative per il rinnovo. Il Ministro Tolloy, a Trieste, lascia intendere che la rottura è da ascriversi ad azioni di elementi jugoslavi che avevano violato il Memorandum d'intesa nella Zona B.

5.1.1967 - Belgrado. Il "Borba", ricordando le dichiarazioni del segretario agli Esteri jugoslavo Nikezie: "gli interessi dei singoli o di alcuni gruppi politici non devono prevalere su quelli generali", denuncia "una corrente di freddezza" fra Italia e Jugoslavia.

10.5.1967 - Protesta di Belgrado a Roma per il raduno degli alpini a Treviso.

13/23.11.1967 - Belgrado: riunione della Commissione mista per la tutela delle minoranze.

8/10.1.1968 - Visita a Roma del premier Spiliak e del ministro elegli Esteri Nikezic. Colloqui con Saragat, con Moro, presidente del Consiglio e con Fanfani, ministro degli Esteri, dedicati a problemi di interesse bilaterale. il "Borba" analizza le relazioni italo-jugosiave rilevando una volontà di non soffermarsi sul passato ma di guardare all'avvenire.

Il comunicato ufficiale dice che le parti manifestano l'intenzione di promuovere ulteriori miglioramenti nei rapporti bilaterali e di rendere sempre più costruttiva la politica di buon vicinato nel rispetto dei reciproci interessi e perseguendo con fervida volontà gli obiettivi comuni della pace della convivenza operosa e distensiva".

24.4.1968 - Zagaria. Il " Vjesnik' denuncia la campagna svolta “dai settori della destra italiana per ottenere la restituzione dell’Istria all'Italia”. Cita brani della “Discussione” relativi al "biblico Esodo di trecentomila istriani, fiumani e dalmati" che hanno abbandonato le loro terre nel timore che l'occupazione jugoslava potesse, oltre che separarli dalla madrepatria, privarli della civiltà cristiana e delle libertà democratiche”.

9.1.1969 - Brioni: Tito esalta i rapporti di buon vicinato con l’Italia.

25.5.1969 - Kardelj, a Umago d'Istria: "La regione dell'Istria offre un contributo specifico all’arricchimento del pensiero e della cultura dei popoli jugoslavi ed alla creazione di un clima di comprensione e di accostamento con il vicino popolo italiano”.

26/29.5.1969 - Nenni, ministro degli Esteri, a Belgrado: "La frontiera aperta tra l'Italia e la Jugoslavia è un fatto esemplare in questo momento di tensione che l’Europa e il mondo stanno attraversando".

22.9.1969 - Trieste. Il presidente della Repubblica slovena, ricevuto dal presidente Berzanti, visita ufficialmente la Giunta regionale di Trieste. Dichiara di seguire con molta attenzione quanto succede nel Friuli - Venezia Giulia avendo le due regioni “molti interessi in comune”.

2.10.1969 - Saragat, presidente della Repubblica e Moro, ministro degli Esteri a Belgrado. Tito al brindisi: "L'attuale grado di feconda collaborazione fra l'Italia e la Jugoslavia ha potuto essere raggiunto grazie al coerente rispetto dei principi di completa eguaglianza, di non interferenza negli affari interni… Moro, al ritorno, dichiara che sono stati trattati i problemi delle comunicazioni nel goriziano. Tali comunicazioni interessano, però, soltanto la popolazione jugoslava di confine.

4.10.1969 - Conferenza stampa di Tito che, invece, afferma: “Oggi lo stato dei rapporti è tale da consentire, a differenza del passato, la discussione di problemi delicati come quello dei confini”.

6.12.1970 - Improvviso annullamento della visita a Roma di Tito perché l'Ansa comunica che il ministro degli Esteri Moro, rispondendo ad interrogazioni di deputati e senatori missini e democristiani, riguardanti le sorti della Zona B e del mancato Territorio libero di Trieste, ha affermato che, in occasione delle note visite effettuate da parte italiana in Jugoslavia, non sono state affrontate questioni attinenti alla sovranità sulla Zona B. "Tali questioni esulano dagli argomenti da trattarsi nel corso delle prossime visite in Italia del presidente della Repubblica socialista federativa jugoslava… Il Governo non prenderà in considerazione nessuna rinuncia ai legittimi interessi nazionali".

21.1.1971 - Tepavac, ministro degli Esteri jugoslavo, commentando un discorso di Moro sulle relazioni fra i due paesi: “Il Governo italiano e quello jugoslavo credono nei rapporti esistenti tra i due Paesi, incluso il Memorandum del 1954 e le sue implicazioni territoriali…”.

23.3.1971 - Visita di Tito a Roma. Incontro Moro-Tepavac. Nel comunicato: “Fedeli agli accordi internazionali stipulati, essi hanno tenuto a ribadire la determinazione di continuare a basare i loro rapporti sul reciproco rispetto dell'indipendenza, della sovranità e delle integrità territoriale e sul principio della non interferenza negli affari interni”.

28.6.1971 -   Ribicic, presidente del Consiglio jugoslavo in un comizio a Predbor: “In particolare, dato il rafforzamento della fiducia tra i nostri due paesi, sia noi sia gli italiani esprimiamo la speranza che con la buona volontà saranno risolti anche gli ultimi problemi rimasti ancora aperti”.

15.11.1971 - Moro, ministro degli Esteri, alla commissione Esteri della Camera, illustra la posizione dell’Italia in relazione ai rapporti italo-jugoslavi. Fragoljub Vujika, portavoce di Belgrado, dice che a Belgrado il discorso di Moro “è stato accolto con molto favore… i tentativi di riesumare forze aggressive di Irredentismo e di rivendicazioni territoriali, promosse da forze che in passato arrecarono danno ai due paesi, hanno richiamato l'attenzione della opinione pubblica jugoslava, che è giustamente sensibile a questi fatti".

16.12.1971           - Belgrado. Dichiarazioni di Tito al Parlamento jugoslavo: "Durante la mia visita ufficiale in Italia… abbiamo confermato la reciproca decisione di continuare la politica dell’amicizia e della cooperazione fra vicini. Nello stesso tempo sono state create le condizioni per comporre le questioni pendenti fra i due paesi".

21.4.1972 - Il “Combat”, da Parigi, dà notizia di trattative fra Roma e Belgrado per un accordo in merito alla Zona B. Smentita della Farnesina.

5.5.1972 - Alcuni giornali parlano di accordi con la Jugoslavia in merito alla Zona B. Ulteriore smentita della Farnesina.

29.12.1972 - Tito parlando agli attivisti montenegrini della Lega dei comunisti, denuncia l'azione dei profughi istriani residenti in Italia che tendono ad impossessarsi di parte del territorio jugoslavo; pretendono la reintegrazione all’Italia della Zona B; esercitano pressioni sul Governo italiano affinché non venga raggiunto alcun accordo con la Jugoslavia. “Naturalmente la Zona B è nostra e a noi non importa nulla di quanto vanno cianciando… ; altri vorrebbero riprendere tutta l'Istria, Zara e tutta la Dalmazia”. Tito chiede che il Governo italiano prenda nette distanze “da queste organizzazioni che nutrono aspetti revanscisti sul nostro territorio”.

16.4.1974 - Tito a Sarajevo dichiara: "La Zona B non esiste più e se qualcuno deve denunciare la questione delle ex zone, quelli siamo noi e non gli italiani. Ma questo noi non lo faremo perché con la nostra rinuncia a Trieste abbiamo creato le condizioni per una atmosfera che non esisteva “in nessuna altra parte dell'Europa”.

Il segretario generale del ministero degli affari esteri, a Roma, Gaja, con una nota a Belgrado chiede “informazioni e chiarimenti” sul discorso di Tito perché “non si comprende… l’inopportuno accenno ad una riapertura della questione di Trieste” e deve sottolineare “l’esigenza che da parte jugoslava non vengano prese iniziative unilaterali… come è inammissibile il linguaggio non cortese usato in alcune frasi della nota verbale jugoslava in data 30 marzo 1974”.

1.10.1975 - Il ministro per gli affari esteri Rumor dà notizia al Parlamento della necessità per l'Italia di rinunciare alla sovranità sulla Zona B in favore della Jugoslavia.

===============
======================
 


UniusRei3

#gender #pedofilia #poligamia #shariah, #bestialismo #Bush 322 #Angela Dorothea Kasner Merkel, #Bildenberg: "voi in quale bidone di acido solforico, voi avete sciolto la mia amica tedesca MarlaMarlen?"













rimuovi
UniusRei3